Travolto dal tir sull’A30: ambulante di San Giuseppe Vesuviano muore sul colpo, l’amico si salva

Andrea Ripa,  

Travolto dal tir sull’A30: ambulante di San Giuseppe Vesuviano muore sul colpo, l’amico si salva

Le urla di Rosario squarciano il silenzio dopo il boato e i clacson impazziti sull’autostrada. Prova a stendere il braccio per stringere la mano al suo collaboratore, al suo amico Nello. Non risponde. Avevano trascorso insieme l’ennesima giornata di lavoro, in giro per i mercati della Campania per «portare a casa la giornata». Speravano di riabbracciare i propri cari, ma un destino crudele li ha travolti lungo il viaggio di ritorno da Marcianise. Ha 27 anni l’ultima vittima della strada. Nello Pagano di San Giuseppe Vesuviano è rimasto ucciso nel terribile incidente stradale di ieri pomeriggio sull’autostrada A 30, tra gli svincoli di Nola e Palma Campania. Quello a cui si trovano di fronte i soccorritori allertati dagli automobilisti che hanno assistito alla scena è uno scenario spettrale. Un autotreno di una ditta di trasporti semidistrutto, senza uno pneumatico rinvenuto a pochi metri di distanza, e il furgone su cui viaggiavano Rosario e il povero Nello completamente distrutto. Rosario ce l’ha fatta, Nello è morto praticamente sul colpo. Travolto dal tir che ha perso aderenza con l’asfalto dopo un guasto meccanico. Tornava a casa dai suoi figli, la morte è arrivata prima. Le sliding doors della vita. Nello e Rosario hanno passato insieme tutta la giornata a stretto contatto l’uno con l’altro. Il caffè insieme e la giornata di lavoro vissuta fianco a fianco. Come tutti i giorni. Come sempre. Poi il buio e il dolore. Atroce. Nello Pagano, del rione Lucarelli di San Giuseppe Vesuviano, aveva 27 anni. Una moglie giovane da accudire e due bimbi piccoli. Un’esistenza stravolta da dieci secondi di follia lungo la strada, un evento imprevedibile e i sogni di un ragazzo sono stati spazzati via per sempre. Oltre ai medici del 118, in strada anche i vigili del fuoco, di supporto per estrarre il corpo del giovane dal furgone, e gli uomini della Polstrada di Nola che hanno messo in sicurezza la zona ed effettuato i rilievi del caso. Il blocco della strada, due carreggiate chiuse al traffico veicolare, ha paralizzato la viabilità. Code di tre chilometri con le forze dell’ordine impegnate fino a tarda sera per rimuovere dall’arteria i detriti lasciati dall’autotreno. Sullo schianto è stata aperta un’inchiesta coordinata dalla procura di Nola per determinare le cause alla base del tragico incidente che ha portato via ai figli un giovane papà di appena 27 anni. Sconvolti gli amici e i colleghi di mercato del giovane di San Giuseppe Vesuviano. «Abbracciamo forte la famiglia. Ci uniamo al dolore che stanno provando i parenti di Nello», il messaggio di cordoglio del Comitato Nazionale degli Ambulanti.

CRONACA