La spaccatura in FdI e l’ultima crepa in maggioranza, caos politico a Terzigno

Andrea Ripa,  

La spaccatura in FdI e l’ultima crepa in maggioranza, caos politico a Terzigno

L’inaugurazione dell’isola ecologica di via Vicinale Piano del Principe di sabato scorso ha aperto una crepa interna alla maggioranza del sindaco di Terzigno, Francesco Ranieri. L’ennesima in una squadra di governo locale già determinata dai profondi dissidi interni. Stavolta le tensioni sono interne al gruppo di Fratelli d’Italia, capeggiato in consiglio comunale dall’ex assessore Pasquale Ciaravola e di cui fa parte anche la consigliera Tina Ambrosio. A far discutere sarebbe stata la volontà di «oscurare» l’impegno di Ciaravola per l’apertura definitiva del centro di raccolta da parte della “compagna di partito” e dell’assessore nominato proprio dai due meloniani. In una nota , diramata sabato sera, poche ore dopo il taglio del nastro della struttura, infatti, si faceva riferimento «all’importante traguardo raggiunto grazie alla tenacia dell’amministrazione Ranieri, della consigliera Ambrosio e dell’assessore Castaldo». Nella nota nessun accenno al consigliere che fa parte del gruppo di Fratelli d’Italia, ma solo le dichiarazioni della consigliera e dell’assessore sangiuseppese. Da qui la rabbia del capogruppo dei meloniani, palesemente messo in disparte. «Si tratta di una precisazione dopo le tante cose lette e viste in queste ore», spiega. «Quello dell’isola ecologica è un lavoro lungo dodici anni. Un ringraziamento forte va fatto all’ex assessore all’ambiente, Genny Falciano, che ha avuto il merito di riprendere l’opera e di crederci fermamente». L’apertura della struttura al pubblico avvenuta sabato mattina dopo dodici anni di attesa è stato il passo finale di un calvario di lavori avviati e poi bloccati nel corso degli anni. «Il Gruppo di Fratelli d’Italia» – capitanato proprio da Ciaravola – «ha avuto il merito di portare a termine le procedure. E’ stato un lavoro di squadra, non dei singoli», spiega ancora il capogruppo di FdI. Poi l’affondo all’assessore scelto dal gruppo dei meloniani, Sabrina Castaldo, che assume i contorni di un tentativo di metterne in discussione l’incarico o quantomeno di aprire una discussione interna al gruppo: «Dimentica che se ricopre il suo ruolo in giunta, lo deve anche al sottoscritto. Anche io l’ho voluta, non soltanto la consigliera Tina Ambrosio – dice con un pizzico di amarezza – Credo che un ringraziamento vero vada fatto alla 2A Tecnology e a tutte le aziende che hanno lavorato duramente per l’apertura del centro di raccolta. Ora starà ai terzignesi dimostrare quanto questa struttura può rivelarsi importante per la comunità». Parole forti destinate a scatenare nuove tensioni interne, sul gruppo di Fratelli d’Italia ora s’avvia una fase di discussione che porterà a un chiarimento o, nella peggiore delle ipotesi, alla rottura.

CRONACA