Sorrento. Contributi alle famiglie, 500 bonus da 600 euro

Salvatore Dare,  

Sorrento. Contributi alle famiglie, 500 bonus da 600 euro

Oltre cinquecento famiglie di Sorrento che, a causa dell’emergenza sanitaria e delle restrizioni imposte già mesi fa da governo centrale e Regione Campania, hanno dovuto fare i conti con grandi difficoltà a far quadrare i conti di casa. E che adesso riceveranno a stretto giro un contributo economico da parte del Comune di Sorrento che, a seguito di un bando pubblicato in piena estate, aveva messo a disposizione circa 350mila euro per fornire ulteriori benefit. Nei giorni scorsi, il dirigente municipale ad interim del primo dipartimento Donato Sarno ha firmato la determina attraverso la quale viene decretato il semaforo verde per l’erogazione dei soldi. In media, ogni famiglia, riceverà poco più di 500 euro. Non è molto, evidentemente, ma si tratta comunque di una piccola fonte di supporto in questo momento ancora complicato. Tutto parte lo scorso 30 luglio quando in sede di consiglio comunale, «considerato il perdurare della crisi economica dovuta agli effetti della pandemia», venne stabilito uno stanziamento di 550mila euro da destinare proprio al sostegno economico delle famiglie e delle imprese in difficoltà. Pochi giorni dopo, siamo al 10 agosto, la giunta guidata dal sindaco Massimo Coppola divide i fondi: 350mila euro vengono computati nel fondo per il sostegno e le iniziative legate all’emergenza sanitaria, i rimanenti 200mila vengono iscritti nei contributi economici per il contrasto alla povertà. Si arriva al 23 agosto quando l’amministrazione comunale di piazza Sant’Antonino approva lo schema di avviso pubblico e il format per presentare le domande. Il bando prevede l’assegnazione proprio di 350mila euro. A ciò si aggiunge un’altra determina: è la numero 1.192 con cui si stabilisce la modalità di erogazione del contributo. Secondo i diktat imposti dal Comune di Sorrento, si prevede l’applicazione di un bonus di 200 euro alle famiglie con componenti di età inferiore a 4 anni. A beneficiare dei fondi sono residenti in possesso di Isee ordinario o corrente di valore pari o inferiore a 15mila euro. Aperti i termini per il bando, c’è un autentico boom di domande e richieste di contributo. Ne sono quasi seicento, 576 per la precisione, con 17 istanze non accolte perché presentate fuori termine o incomplete. Così, al termine delle procedure, arriva la ripartizione dei soldi con 599,28 euro per ogni nucleo familiare, con il contributo che passa a 799,28 euro per quelle famiglie con componenti di età inferiore a quattro anni. A proposito: nei giorni scorsi, sempre il Comune di Sorrento ha pubblicato un nuovo avviso, quello per favorire e sostenere, con contributi a fondo perduto, i residenti sorrentini titolari o collaboratori di microimprese attive nei settori del commercio, dei servizi e dell’artigianato, danneggiate dall’emergenza del Covid 19. Tra i requisiti dell’impresa, ubicata nel Comune di Sorrento, un numero di occupati inferiore a dieci unità ed fatturato annuo, oppure un totale di bilancio annuo, non superiore a 2 milioni di euro. Il reddito di impresa, per l’anno 2020, dovrà essere inferiore o uguale a 35mila euro. Inoltre non dovranno risultare beneficiarie di altri contributi comunali per microimprese. L’importo del contributo per ciascun beneficiario è di mille euro, mentre la dotazione finanziaria complessiva ammonta a 50mila euro.

CRONACA