Volevano rubarla, riparata la Statua del Milite Ignoto di Poggiomarino

Andrea Ripa,  

Volevano rubarla, riparata la Statua del Milite Ignoto di Poggiomarino

A quasi cento giorni dal raid contro un simbolo del sacrificio dei soldati di Poggiomarino, la statua del Milite Ignoto, vittima di un tentativo di furto a luglio scorso, è tornata al suo posto. In via Roma, sulle scale della scuola elementare. Davanti all’elenco di nomi, vittime scolpite nella pietra che hanno dato la propria vita per servire il Paese. Il Monumento in memoria dei Caduti dei due conflitti mondiali è stato restaurato, riqualificato su decisione dell’amministrazione comunale che a seguito del raid criminale aveva deciso di riparare e ripulire quello che è un simbolo della città. In serata la statua è tornata nel luogo in cui generazioni di poggiomarinesi l’hanno potuta osservare. In una notte di metà luglio alcuni malviventi tentarono di rubare la statua in bronzo. Un raid nel pieno centro di Poggiomarino, nel cuore e nel silenzio della notte, non andato a buon fine. Per fortuna. Soprattutto a causa del peso della statua. Evidentemente i malviventi non riuscirono a spostare completamente il Milite Ignoto per portarlo via, così per giorni la statua è stata soltanto divelta dal piedistallo. «Un oltraggio», per dirla con le parole degli amministratori del municipio di Poggiomarino, uno schiaffo alla storia che ancora oggi resta un mistero ancora tutto da chiarire. Nonostante l’acquisizione delle immagini della videosorveglianza da parte delle forze dell’ordine, il caso del tentativo di furto della statua del Milite ignoto non è stato ancora risolto. I malviventi che hanno tentato di portarla via in una notte di mezza estate restano impuniti. Nel frattempo il Comune ne ha chiesto e ottenuto il restyling. Oltre alla statua è stata riqualificata anche la base su cui il monumento in bronzo è poggiato. Il monumento è stato riconsegnato all’Ente di piazza De Marinis a pochi giorni dalle celebrazioni per il centenario dall’istituzione – nel 1921 – del simbolo del sacrificio con la tumulazione della salma senza nome all’Altare della Patria. La restituzione della statua rappresenta un segnale di rivalsa delle istituzioni dopo lo sfregio alla storia di quanti poggiomarinesi hanno dato la vita per difendere la patria. Caduti e dispersi che l’amministrazione comunale ha ricordato proprio nell’estate appena trascorsa, quando il consiglio comunale ha assegnato la cittadinanza onoraria al Milite ignoto, come richiesto dall’Anci a tutti i Comuni d’Italia.

CRONACA