Turismo, rivoluzione in Comune a Sorrento: nasce un nuovo ufficio

Salvatore Dare,  

Turismo, rivoluzione in Comune a Sorrento: nasce un nuovo ufficio

Una nuova macrostruttura che possa occuparsi prevalentemente di turismo. Una scelta che era già nell’aria da diverse settimane e che adesso diventa realtà anche perché, nonostante la pandemia da Covid 19 e la contrazione delle entrate, il Comune di Sorrento versa comunque in buoni condizioni finanziarie. Nasce così il dipartimento dedicato completamente al turismo. Su input del sindaco Massimo Coppola, nei giorni scorsi, la giunta ha approvato una delibera con cui dispone l’avvio della procedura amministrativa che fa passare da cinque a sei i “settori” della macchina comunale. Nel corso delle prossime settimane, d’accordo anche con le rappresentanze sindacali, si provvederà a delineare al meglio l’organico del nuovo dipartimento. Già a marzo scorso, l’amministrazione aveva aperto con decisione alla possibilità che si potesse istituire un ulteriore compartimento del Comune.

Lo conferma la delibera numero 32 della giunta. Oggi quest’atto di indirizzo viene ripreso dal nuovo provvedimento in cui si ribadisce che «quest’amministrazione comunale, a seguito di approfondito esame dell’organizzazione degli uffici e dei servizi e delle disponibilità delle risorse umane, ravvisa l’esigenza, di procedere ad una ulteriore riorganizzazione della macchina comunale, con l’obiettivo di creare un assetto strutturale dell’ente» che possa «valorizzare gli importanti aspetti turistici/culturali che connotano il Comune». Come verrà organizzato il sesto dipartimento che si occuperà dunque di turismo? Si vedrà, perché proprio in questi giorni è in corso di definizione il piano di fabbisogno del personale 2022/2024 e, ancora, «il Comune di Sorrento non versa né in situazione di deficit strutturale né di dissesto finanziario». Vengono comunque già individuate delle priorità operative che il nuovo dipartimento dovrà seguire: oltre al turismo, spazio alla promozione del territorio, gli eventi, gli spettacolo, le relazioni internazionali, i gemellaggi, la cultura e, ovviamente, anche i finanziamenti con lo Sportello Europa. Si tratta di un momento storico cruciale per Sorrento, una città fortemente provata dall’emergenza economica legata al Covid 19 che la scorsa estate ha visto crollare gli arrivi e le presenze dei turisti stranieri, in particolare coloro che provengono dal Regno Unito. Si spera che già l’anno prossimo possano decisamente migliorare le cose e la sensazione fatta trapelare anche dagli operatori è che si possa perlomeno sfiorare il dato complessivo del 2019. Qui entra in gioco anche la volontà dell’amministrazione Coppola di puntare anche sull’organizzazione di grandi eventi di respiro internazionale: dopo lo svolgimento del G20 del Commercio, è previsto proprio per la prossima estate – ad agosto – il summit del turismo giovanile sotto l’egida dell’Onu con un appuntamento di livello mondiale in cui sarà elaborata la nuova agenda del turismo.

CRONACA