Ercolano, calcio del Comune a crisi e conti in rosso: spese-record per le luci di Natale

Alberto Dortucci,  

Ercolano, calcio del Comune a crisi e conti in rosso: spese-record per le luci di Natale

Ercolano. Un calcio a crisi e conti in rosso per «accendere» le festività natalizie all’ombra del Vesuvio. L’amministrazione comunale guidata dal sindaco Ciro Buonajuto «dimentica» le difficoltà economiche e il deficit dell’ente di corso Resina e investe la bellezza di 70.000 euro per il noleggio e l’installazione di «luminarie artistiche» lungo le principali strade del centro cittadino: una strategia in netta controtendenza rispetto allo scorso anno, quando la coalizione uscita vincitrice dalle elezioni dell’ottobre 2020 decise di promuovere un concorso pubblico per provare a illuminare  le festività natalizie – obiettivo, alla fine, decisamente mancato – senza gravare sulle esangui casse del Comune.

L’ok della giunta

Alla luce delle polemiche sollevate all’epoca da residenti e commercianti – pronti a sottolineare come l’assenza di colori e luci non invogliasse il tradizionale shopping di dicembre – l’esecutivo di corso Resina ha deciso di accogliere il piano promosso dall’assessore Mariarca Cascone per portare la giusta «aria di Natale» in città. «Uno dei momenti più importanti per il commercio e per la promozione della città è il periodo delle festività natalizie – si legge all’interno della delibera approvata dalla giunta comunale –  in cui si adottano iniziative finalizzate a incrementare il numero di frequentatori delle aree non tradizionalmente vocate al commercio: può essere vincente puntare sulle luminarie come elemento di abbellimento della città e realizzare un’impostazione omogenea tale da valorizzare il centro cittadino». Predisposto, quindi, un piano da 57.000 euro e spiccioli a base d’asta a cui aggiungere le imposte. In tutto, 70.000 euro per il noleggio e l’installazione di «luminarie artistiche». All’interno della delibera erano state originariamente indicate anche le strade in cui montare le luci (via Panoramica, via Pugliano, via IV Novembre, corso Italia, corso Resina, via Marconi-via Tironi di Moccia), poi cancellate a penna.

L’appello ai privati

Contestualmente agli investimenti pubblici, l’ente di corso Resina ha aperto la caccia a potenziali sponsor pronti a sostenere le spese per realizzare un albero di Natale e incrementare le luminarie artistiche: «Sono sicuro che commercianti e imprenditori – l’auspicio di Ciro Buonajuto – non faranno mancare il loro supporto, così da poter prevedere, accanto a quelle finanziate dal Comune, altre installazioni per rendere le festività ancora più belle per i cittadini e per i turisti in visita nella nostra città». Con buona pace di crisi e conti in rosso.

@riproduzione riservata

CRONACA