Scafati. Svolta in Comune, sì a 30 assunzioni entro fine anno

metropolisweb,  

Scafati. Svolta in Comune, sì a 30 assunzioni entro fine anno

E’ atteso per il prossimo 17 novembre il via libera definitivo per l’assunzione di 30 unità da impiegare nella macchina comunale. Dopo l’approvazione del bilancio consolidato in consiglio comunale, dovrebbe essere stato rimosso anche l’ultimo ostacolo per avere l’ok definitivo dalla Cosfel. «Era stata la Cosfel (Commissione per la stabilità finanziaria degli enti locali, ndr) a chiederci espressamente l’attestazione dell’avvenuta approvazione del bilancio consolidato da parte del consiglio comunale, a completamento della documentazione che avevamo già trasmesso la scorsa settimana» conferma il sindaco di Scafati Cristoforo Salvati. La commissione dovrebbe decidere per il 17 novembre. «Attendiamo fiduciosi il parere a margine del loro esame di tutta l’istruttoria predisposta dal nostro ente e decidere se autorizzare o meno le assunzioni che abbiamo pianificato – aggiunge il primo cittadino – Sono 30 quelle che potremo effettuare già entro il 31 dicembre di quest’anno. Siamo ottimisti, convinti di aver messo in atto tutte le procedure che ci erano state richieste, comprese le variazioni al piano del fabbisogno di personale che abbiamo deliberato in giunta di recente, proprio in virtù di una esplicita richiesta della Cosfel”».

E’ corsa contro il tempo anche perché dai revisori dei conti arriva l’ammonimento a concludere l’iter entro fine anno, puntualizzando la necessità di un nuovo percorso amministrativo contabile dal 2022, per le successive assunzioni.

Scafati è pur sempre vincolata al piano di riequilibrio. Meno di due mesi di tempo, ma l’assessore con delega al personale Nunzia Di Lallo si dice ottimista. «Si tratta di cinque assunzioni a tempo determinato e 25 assunzioni a tempo indeterminato, di cui dieci relative al concorso Ripam e due procedure concorsuali già avviate nel 2020. Trenta unità lavorative che potrebbero già essere impiegate entro la fine dell’anno, garantendo supporto al personale comunale, ormai ridotto all’osso».

Le dieci unità legate al concorsone regionale, in caso di via libera da Roma, potranno prendere servizio immediatamente, mentre le restanti unità saranno individuate con procedure di mobilità esterna. Palazzo Mayer non riuscirà a indire un proprio concorso, non potendo approvare il bilancio previsionale entro fine anno. Dai revisori, via libera vincolato al rispetto della data del 31 dicembre, ricordando all’amministrazione comunale il rispetto degli impegni sottoscritti nel piano di rientro. Il mancato raggiungimento degli obiettivi prefissati, scrivono nel loro parere, potrebbe compromettere la salvaguardia degli equilibri finanziari.

In particolare i revisori puntualizzano, ancora una volta, la mancata alienazione del patrimonio disponibile e la bassa percentuale di riscossione dei tributi comunali. Elementi fondamentali per avviare una seconda tornata di assunzioni, siccome queste sono vincolate al rapporto spesa per il personale/entrate correnti.

Adriano Falanga

CRONACA