Schianto tra auto a Torre del Greco: migliorano il neonato e la nonna. Ma la prognosi resta riservata

Alberto Dortucci,  

Schianto tra auto a Torre del Greco: migliorano il neonato e la nonna. Ma la prognosi resta riservata
L'incidente in via Nazionale

Torre del Greco. Un bimbo di un anno e la nonna costretti a lottare per la vita, un motociclista ricoverato con fratture e contusioni in varie parti del corpo e una ragazza sotto shock. è il drammatico bilancio dell’ultimo incidente lungo via Nazionale, l’arteria a scorrimento veloce tra la periferia e il centro della città del corallo già teatro in passato di terrificanti impatti stradali. Dove, a pochi minuti dalla mezzanotte tra domenica e lunedì, due utilitarie – una Fiat 500 guidata da una ragazza di Torre del Greco e una Fiat Panda su cui viaggiava un’intera famiglia di Ercolano – si sono scontrate all’altezza del distributore di benzina della Esso, centrando poi una moto diretta a Leopardi. Uno schianto terribile, capace di distruggere i tre veicoli e di scatenare il terrore all’ombra del Vesuvio.

La notte da incubo

Sul posto sono immediatamente arrivati gli agenti del commissariato di polizia guidato dal primo dirigente Antonietta Andria – a cui sono affidate le indagini sul sinistro – e i carabinieri della caserma Dante Iovino. Gli uomini in divisa – in attesa dei soccorsi – sono stati costretti a chiudere il tratto di strada in cui è avvenuto l’incidente, con le auto «dirottate» in via Lava Troia e via Ponte della Gatta. A destare subito le maggiori preoccupazioni sono stati il neonato e la nonna di 46 anni, seduti sul lato posteriore della Fiat Panda: sia il piccolo sia la donna avrebbero battuto violentemente la testa, a causa del violento scontro.

L’attesa dei soccorsi

Interminabili i minuti trascorsi nell’attesa delle prime ambulanze, arrivate da Pollena Trocchia: il neonato è stato trasportato d’urgenza all’ospedale pediatrico Santobono di Napoli, dov’è stato inizialmente ricoverato nel reparto di rianimazione. La nonna è stata, invece, trasferita in codice rosso al pronto soccorso dell’ospedale del Mare. Miracolosamente illesi i genitori del bambino: sia il conducente sia la moglie – seduta sul lato passeggero – hanno riportato contusioni guaribili in pochi giorni. Sotto shock la ragazza alla guida della Fiat Panda, mentre il centauro speronato dalle vetture è stato accompagnato all’ospedale Cardarelli per sospette fratture e contusioni in varie parti del corpo. Appena è stato possibile, sia il neonato sia la nonna sono stati sottoposti a delicati interventi chirurgici alla testa per ridurre il trauma cranico: entrambi gli interventi sono tecnicamente riusciti, ma la prognosi resta riservata. Decisive saranno le prossime ore, sempre sotto costante osservazione dei medici. La ragazza di Torre del Greco è stata trasportata all’ospedale Maresca, dove è stata sottoposta – così come gli altri conducenti dei mezzi coinvolti nell’incidente – a narcotest e alcol test. I tre veicoli sono stati sottoposti a fermo amministrativo e le tre patenti ritirate in attesa del proseguo delle indagini.

La dinamica

Gli uomini in divisa sono stati impegnati nei rilievi del caso fino alle prime ore del giorno. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, lo schianto sarebbe stato provocato da un’uscita azzardata della Fiat 500 – risultata, peraltro, sprovvista della necessaria copertura assicurativa – dalla stazione di servizio: l’impatto frontale contro la Fiat Panda diretta verso il centro cittadino – verosimilmente, la famiglia di Ercolano stava tornando a casa – sarebbe avvenuto a elevata velocità, come testimoniano i danni riportati dalle due utilitarie. Il conducente dello scooter, invece, non sarebbe riuscito – sopraggiungendo da Leopardi – a evitare le due auto e avrebbe terminato la sua corsa contro la Fiat 500.

@riproduzione riservata

CRONACA