L’eros nella Sorrento medievale nelle rivelazioni dello storico Fabrizio Guastafierro

Salvatore Dare,  

L’eros nella Sorrento medievale nelle rivelazioni dello storico Fabrizio Guastafierro

Vizi privati e pubbliche virtù che imperavano a Sorrento a cavallo tra la fine del medio-evo e l’ inizio della “era moderna”.

E’ questo il tema relativamente “godereccio” attorno al quale – nella serata del prossimo 19 novembre – ruoterà il racconto di Fabrizio Guastafierro presso il locale “Inn Bufalito” posto nel cuore del centro storico della città del Tasso.

Non a caso, il tema dell’ incontro sarà: “Eros e trasgressioni a Sorrento in età moderna”Quello in calendario, insomma, è un appuntamento “piccante” sotto ogni punto di vista.

Questo perché, nella circostanza, cultura ed eno-gastronomia si sposeranno per dare vita a qualcosa di speciale.

In particolare, il racconto dell’ appassionato di storia locale si soffermerà sulla triste storia di Diana Falangola, divenuta giovanissima amante di Don Giovanni d’ Austria (vittorioso ammiraglio della battaglia di Lepanto) a cui diede una figlia, dopo essere stata – ancora minorenne – al centro di “gossip” con il vicerè di Napoli Antoine Perrenot de Granvelle.Cercando di attualizzare l’argomento…. si potrebbe dire che fu una sorta di “Ruby” del quattrocento. Guastafierro, inoltre, punterà i riflettori anche sulla più fortunata Diana Guardati.

Questa fu concubina stabile di Ferdinando I d’Aragona, visse alla sua corte, ed a lui diede “numerosa prole”.

Ma le pagine più “calienti” che saranno raccontate – traendo spunto dai testi di studiosi accreditati come Benedetto Croce – sono quelle che ruoteranno attorno alle figure di due regine di Napoli di epoca Angioina: Giovanna I e Giovanna II.

Loro, almeno secondo più o meno attendibili leggende, si sarebbero concesse ogni genere di piacere nello scenario della villa di epoca romana che si trova al Capo di Sorrento.

Fatti accertati e racconti favolosi, insomma, si alterneranno offrendo uno spaccato che, per certi versi, è da considerare inedito.

Alla succinta ma interessante relazione si accompagnerà una piacevole cena.

Chi dovesse partecipare, infatti, potrà apprezzare un gustoso menù predisposto per l’ occasione dai gestori di “Inn Bufalito” (con tanto di ostriche, gambero panato con salsa di curry, peperoncino, buon vino ed altro).

Sarà, quindi, una serata riservata ai piaceri a 360°.

E poi, in conclusione, ci sarà sicuramente una sorpresa.

Fabrizio Guastafierro, infatti, alimentando curiosità ed aspettative, annuncerà la rivelazione di una interessantissima ed importante scoperta che riguarda Sorrento alla fine della dominazione normanna (XII secolo).

Fermo restando il rinvio a successivi appuntamenti, sarà interessante scoprire di cosa si tratta.

CRONACA