Cachet d’oro per il concerto di Gigi D’Alessio a Pompei, bufera politica sugli eventi

Salvatore Piro,  

Cachet d’oro per il concerto di Gigi D’Alessio a Pompei, bufera politica sugli eventi

Il Natale d'oro di Pompei: 200mila euro per luci ed eventi e concertone di Gigi D'Alessio

Cachet d’oro a Gigi D’Alessio per un solo concerto di Natale, l’opposizione insorge: «E’ un costo da ritenersi fuori luogo. L’amministrazione, invece di pagare centomila euro a D’Alessio, aiuti i commercianti e le famiglie povere di Pompei». Lo hanno scritto nero su bianco i 6 consiglieri comunali della minoranza. In una lettera spedita ieri al sindaco Carmine Lo Sapio, i consiglieri Domenico Di Casola, Salvatore Caccuri, Angelo Calabrese, Mario Estatico, Alberto Robetti, Raffaele Marra, hanno “suggerito” all’amministrazione «di dare poco spazio al lusso e tagliare sulle spese non necessarie, privilegiando invece l’assistenza economica in favore dei cittadini e i commercianti in una situazione di debolezza sociale e di grave crisi economica causata dalla pandemia». Nel mirino delle critiche è finito l’ultimo maxi-impegno di spesa deliberato dall’amministrazione per un Natale cittadino in stile grandi firme. Una somma davvero ingente: 215mila euro complessivi. Centoquindicimila euro sono già stati sborsati a favore di una ditta di Pimonte, la Coop Tecno Service illuminazioni, che ha installato le luminarie natalizie nelle principali strade di Pompei. Le luminarie saranno accese oggi. Alle 17:30 è inoltre in programma una cerimonia pubblica per l’accensione dell’albero natalizio – di circa 10 metri d’altezza – posizionato come di consueto in Piazza Bartolo Longo, a pochi passi dall’ingresso del Santuario dedicato alla Vergine del Rosario. Il concertone di D’Alessio – rischio assembramenti permettendo – si terrà invece il 28 dicembre a Piazza Schettini. “Il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, nel parlare di eventi pubblici per Capodanno ha affermato che è meglio evitare feste in piazza per prevenire possibili occasioni di diffusione del contagio – ribattono in merito i consiglieri d’opposizione – nel caso dell’aggravarsi della pandemia, il concerto (da centomila euro di cachet ndr) previsto dalla relativa determina potrebbe essere annullato».

CRONACA