La Juve Stabia si gode il Bentivegna 2.0

Michele Imparato,  

La Juve Stabia si gode il Bentivegna 2.0

Quattro gol nelle ultime cinque partite. E’ davvero un momento magico per Accursio Bentivegna. L’esterno offensivo della Juve Stabia è un altro calciatore rispetto a quello dell’anno scorso. A essere onesti, i tifosi delle Vespe, nel campionato passato non hanno mai potuto ammirare Bentivegna con continuità. L’attaccante siciliano, acquistato dal ds Ghinassi, non ha giocato molto sotto la gestione Padalino. Sia per alcuni problemi fisici che per scelte tattiche. Inevitabile l’arrivederci a gennaio con la cessione in prestito all’Imolese. Poi a luglio Bentivegna è tornato alla Juve Stabia ma la società l’ha considerato in vendita e a un certo punto la sua partenza é sembrata inevitabile. Poi succede il colpo di scena. Bentivegna trova l’accordo con il club di Langella rinnovando il contratto e spalmando l’ingaggio. In panchina c’è Novellino che sin da subito gli dà una maglia da titolare e che sia un Bentivegna diverso lo si capisce dall’esordio di Andria dove segna il gol dell’1-1.
Bentivegna in questo momento è uno dei calciatori più importanti nello scacchiere di Sottili e sta dimostrando di avere anche trovato il feeling col gol. Accursio Bentivegna, inoltre, si sta riscoprendo micidiale anche sui calci piazzati. Dopo quello al Taranto, l’esterno siciliano si è ripetuto contro il Potenza segnando una rete bellissima. Un gol che qualcuno ha paragonato per esecuzione a quelli di Maradona.
Insomma, Bentivegna si sta ritagliando un ruolo da protagonista in questa nuova Juve Stabia che Sottili ha ridisegnato dopo il breve interregno Novellino. L’esterno prima degli ultimi gol contro Taranto, Paganese e Potenza ha segnato al Menti il gol che ha evitato la sconfitta col Monterosi. In precedenza ha segnato, come detto in precedenza, alla prima di campionato ad Andria e poi alla terza a Vibo Valentia. Quest’anno ha superato il suo score di gol in una stagione che era di 5 marcature con la Carrarese nella stagione 2017-2018. Il siciliano punta e può arrivare tranquillamente in doppia cifra visto che siamo appena al giro di boa del campionato. Un giocatore molto tecnico che nella sua carriera non è stato fortunato perchè si è infortunato più volte ma vista la sua età (25 anni) può ancora aspirare al salto di categoria. Questa per Bentivegna potrebbe essere la stagione della consacrazione.

CRONACA