Osimhen il caso è chiuso, niente Coppa d’Africa

metropolisweb,  

Osimhen il caso è chiuso, niente Coppa d’Africa

Farsi passare il covid, tornare a Napoli, finire la cura allo zigomo e ricominciare a giocare in azzurro. E’ questa la strada scelta da Victor Osimhen, l’attaccante per la seconda volta positivo al Covid, contratto di nuovo nella sua patria dopo il contagio in occasione del suo compleanno. Stavolta è risultato positivo prima di prendere l’aereo dalla Nigeria, mentre l’anno scorso il contagio emerse nel tampone a Napoli, appena tornato dalle ferie di Natale, dopo aver festeggiato il suo compleanno, il 28 dicembre. Due volte ammalato, con dentro un forte infortunio subito al volto contro l’Inter, una serie di stop che stanno rallentando la carriera della punta che quest’anno era esplosa, segnando nove gol finora, ma ‘scomparso’ da fine novembre. Un percorso che lo ha convinto ora a rinunciare alla Coppa d’Africa. “È un peccato che non sarà in Coppa d’Africa – ha detto Augustine Eguavoen, commissario tecnico della Nigeria al sito web della nazionale dopo le nuove convocazioni senza Osimhen – ha praticamente supplicato e ho compreso le ragioni. Mi ha detto: ‘devi capire che non sto bene. Non voglio andare in Coppa d’Africa e non dare il 100%’. Osimhen deve fare delle valutazioni sul suo infortunio, abbiamo alla fine deciso di lasciar perdere”. Per Osimhen ci sarà ora un nuovo percorso tutto partenopeo, in un gennaio in cui, oltre alla mannaia Covid, c’è anche la Coppa d’Africa che toglie al Napoli Koulibaly, Anguissa e Ounas. I giorni della quarta ondata per ora privano il Napoli anche di Lozano, che si trova ammalato in Messico, e di Elmas, bloccato in Macedonia. Da oggi c’è anche preoccupazione per Kevin Malcuit e Andrea Petagna che sono posti in quarantena domiciliare al loro rientro dalla sosta natalizia. I due calciatori sono infatti entrati in contatto con persone positive al covid e si aspettano risposte sulle loro condizioni. Il club azzurro si prepara alla sfida con la Juventus del 6 gennaio a cui si cerca di guardare senza pensieri, come sottolinea il patron azzurro De Laurentiis, nel suo augurio di inizio 2022: “Buon Anno – scrive sui social – a tutti i tifosi del Napoli in Italia e nel mondo e anche a tutti gli italiani. Un 2022 che sia veramente il punto di svolta verso un futuro che torni a essere sereno e promettente. Questo è il momento di resistere con ottimismo. E con l’ottimismo tutti insieme ce la faremo”. Per farcela serve anche nutrire la squadra e il Napoli è vicino alla firma di Axel Tuanzebe, 24nne difensore del Manchester United che sta giocando in prestito all’Aston Villa. Il club azzurro è vicino alla chiusura della trattativa per avere un prestito da mezzo milione con la porta aperta per il trasferimento definitivo e dare subito a Spalletti risposte per la lunga assenza di Koulibaly.

CRONACA