Un tram tra Castellammare e Gragnano, il progetto da 33 milioni di euro

Tiziano Valle,  

Un tram tra Castellammare e Gragnano, il progetto da 33 milioni di euro

Un piano da 33 milioni di euro per riconvertire la tratta ferroviaria che collega Torre Annunziata, Castellammare e Gragnano e attivare un tram leggero gestito da Eav. Parte la caccia ai finanziamenti del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. Le amministrazioni di Castellammare e Gragnano si sono già espresse a favore del progetto, mentre Torre Annunziata continua a fare melina.Il piano prevede di realizzare un sistema di collegamento veloce e sostenibile tra i tre comuni, sfruttando anche fermate intermedie che potrebbero favorire la mobilità alternativa.La giunta stabiese punta a ottenere almeno tre fermate lungo via De Gasperi (l’ultima all’incrocio con Traversa Mele, nei pressi dell’ex Cirio), per migliorare i collegamenti dalla periferia verso il centro, magari realizzando anche parcheggi d’interscambio per chi arriva dai Comuni vesuviani. Altre due fermate invece dovrebbero essere sistemate al viale Europa (necessaria per il collegamento con la nuova stazione Stabia Scavi, sulla tratta Napoli-Sorrento) e alle spalle dello stadio Romeo Menti.Altre due fermate saranno previste invece a Gragnano e saranno identificate come “Cittadella della Pasta” e “Pallone Geodetico”, al servizio di quartieri periferici come Madonna delle Grazie e del centro del Comune dei Monti Lattari. Si attende, invece, il parere dell’amministrazione di Torre Annunziata che da tempo si batte per l’eliminazione dei passaggi a livello nella zona di Rovigliano.Il progetto è stato al centro anche di un confronto tra il sindaco di Gragnano, Nello D’Auria, i vertici dell’Eav, capitanati dal presidente Umberto De Gregorio e il presidente della commissione regionale Trasporti, Luca Cascone. «Riteniamo che quest’opera rappresenti l’occasione di una vera rigenerazione urbana per il nostro territorio – ha detto Nello D’Auria – La riconversione della linea ferroviaria Gragnano-Castellammare in un sistema tranviario leggero di collegamento tra la Capitale Europea della Pasta e la Città delle Acque con interscambio con la linea Eav Napoli-Sorrento, sarebbe fondamentale».«Il progetto vale circa 33 milioni di euro – ha continuato il primo cittadino di Gragnano – La proposta prevede l’accesso al finanziamento anche per l’acquisto dei veicoli che transiteranno sulla nuova linea, che saranno ibridi diesel/elettrici».Quest’oggi, intanto, sarà la volta dell’amministrazione comunale stabiese fare il punto della situazione con i vertici dell’Eav e della Regione Campania. La giunta guidata dal sindaco Gaetano Cimmino vuole fortemente la realizzazione di questo progetto, che consentirebbe di migliorare sensibilmente i collegamenti tra la periferia e il centro di Castellammare. vt

CRONACA