Gennaro Annunziata

Moto g52, un buon telefono midrange a cui manca il 5G

Gennaro Annunziata,  

Moto g52, un buon telefono midrange a cui manca il 5G
I suoi altoparlanti stereo, grazie al supporto Dolby Atmos, permettono di immergersi nella visione di spettacoli o film con un suono multidimensionale

La famiglia moto g cresce con l’arrivo di un nuovo componente, il moto g52. Posizionato nella fascia media di Motorola, oltre ad avere un ampio display AMOLED e due altoparlanti stereo con tecnologia Dolby Atmos, dispone di un sistema a tripla fotocamera e una batteria a lunga durata. Grazie ad un elevato rapporto qualità/prezzo intende rubare quote di mercato a competitor come Redmi e Realme.

Nella confezione di vendita, una scatola di cartone blu navy, oltre al telefono, ci sono ci sono manuale e certificato di garanzia, l’eiettore del carrello SIM/microSD, una cover in silicone semi trasparente, un cavo USB-A/USB-C, auricolati in-ear e un caricabatteria veloce TurboPower a 33 W.

Disponibile in due eleganti colori (Charcoal Grey e Porcelain White) la sua scocca unibody, realizzata interamente in PMMA, è tra le più compatte (160,98 x 74,46 x 7,99 mm) e leggere (169 g) in circolazione. Ottima l’ergonomia di questo telefono, che è molto comodo da impugnare e usare, anche con una sola mano.

Moto g52, un buon telefono midrange a cui manca il 5G

Essendo classificato IP52 resiste agli schizzi di acqua.

La faccia posteriore liscia al tatto ha una finitura opaca che tende però a brillare alla luce del sole, conferendo allo smartphone un aspetto premium ed elegante. Peccato che la superficie sia scivolosa e tenda facilmente a riempirsi di impronte e polvere. Al centro spicca il simbolo ‘M’ mentre in basso c’è il marchio Motorola. In alto a sinistra, poco sporgente, c’è il modulo della fotocamera con 3 obiettivi posizionati a semaforo, affiancati da un flash LED.

Moto g52, un buon telefono midrange a cui manca il 5G

Lungo il bordo laterale, a destra, c’è il bilanciere del volume e un pulsante di accensione con preciso sensore di impronte digitali; a sinistra il vassoio che può ospitare 2 nano SIM o 1 nano SIM + 1 microSD (max 1 TB). Il bordo inferiore vede la presenza di una porta USB-C, un jack per cuffie da 3,5 mm, il microfono principale e la griglia di uno dei due altoparlanti, l’altro altoparlante è sul bordo superiore insieme al microfono per la soppressione dei rumori.

Moto g52, un buon telefono midrange a cui manca il 5G

I due altoparlanti stereo con Smart PA (DSP interno) grazie al supporto Dolby Atmos permettono di immergersi nella visione di spettacoli o film con un suono pieno e multidimensionale. Anche nell’ascolto della musica c’è una maggiore profondità e chiarezza.

Moto g52, un buon telefono midrange a cui manca il 5G

La faccia anteriore, caratterizzata da un rapporto schermo-corpo dell’87,70%, presenta uno schermo da 6,6 pollici in formato 20:9 con cornici molto sottili e un piccolo foro per la cam, in alto al centro. È un display AMOLED con refresh rate fino a 90Hz, risoluzione Full HD+ (2400×1080), fluido e reattivo con ampi angoli di visione, colori fedeli e neri profondi. Perfetta leggibilità anche quando si è all’aperto sotto la luce del sole. La certificazione SGS Blue Light e Motion Blur Reduction assicurano che guardare contenuti e giocare per molte ore affatica e danneggia meno gli occhi. In mancanza di un led di notifica, attivando la funzione Moto Display, orario, data e notifiche vengono visualizzati sullo schermo spento, usando solo i pixel necessari.

Moto g52, un buon telefono midrange a cui manca il 5G

A bordo c’è un processore Qualcomm Snapdragon 680, affiancato da GPU ADRENO 610 e 6GB di memoria RAM. La memoria interna è da 128 GB, espandibile tramite microSD. Completo il parco sensori, oltre a quelli di prossimità e di luminosità, che sono inseriti al di sotto della sottile griglia della capsula auricolare, ci sono accelerometro, giroscopio, SAR e magnetometro (bussola).

Come verificato nel corso della nostra prova, questa dotazione hardware offre ottime performance nella maggioranza delle attività quotidiane, come navigare nel web, gestire posta e messaggistica o guardare video. Il caricamento dei programmi è stato sempre veloce e nel multitasking, il passaggio tra app non ha mai causato arresti anomali o rallentamenti. Qualche lieve slowdown lo abbiamo talvolta registrato invece con il gaming in presenza di frame rate elevato e grafica pesante.

Moto g52, un buon telefono midrange a cui manca il 5G

La batteria integrata da 5.000 mAh, facendo un utilizzo nella norma del telefono, riesce a fine giornata ad avere quasi il 40% di carica residua. La batteria supporta la ricarica rapida Turbo da 33 W che porta dallo 0 al 50% in circa 30 minuti e al 100% in circa 50 minuti

Il Moto g52 è un dual SIM dual standby. Semplice la gestione delle due SIM, ottima la qualità delle chiamate telefoniche, merito anche dei 2 microfoni integrati e di una buona capsula auricolare.

Per quanto riguarda la connettività manca il 5G ma è supportato il 4G, oltre a 2G/3G, Wi- Fi 802.11 a/b/g/n/ac (2.4/5 GHz), Bluetooth 5.0 e NFC. Per la navigazione assistita, ci sono GPS, A-GPS, LTEPP, SUPL, GLONASS, Galileo.

Il sistema operativo è Android 12 con interfaccia utente My UX, che include opzioni di layout, caratteri, forma dell’icona, tema di sistema e sfondi animati. Si può personalizzare l’esperienza di navigazione nel modo che più si preferisce. È garantito l’upgrade a Android 13 e oltre 3 anni di aggiornamenti di sicurezza. A disposizione una suite completa di strumenti come la dashboard della privacy, che offre una visione chiara e completa di quando le applicazioni hanno avuto accesso a posizione, fotocamera o microfono del dispositivo, semplificando la gestione delle autorizzazioni. Supportate le Moto Unique Gestures come screenshot con 3 dita o la doppia torsione del polso per aprire la fotocamera da qualsiasi schermo.

Moto g52, un buon telefono midrange a cui manca il 5G

Il Moto g52 ha sul retro una configurazione a tripla fotocamera, che include una principale da 50 MP con tecnologia Quad Pixel, una ultragrandangolare da 8 MP e una macro da 2 MP.

L’interfaccia della fotocamera è molto semplice e intuitiva. C’è un pulsante di scatto virtuale, ma è possibile fare clic anche utilizzando la rilevazione automatica del sorriso o toccando un punto qualsiasi dello schermo. Numerose le modalità di scatto come Cinemagrafia, Ultra-Res, Visione Notturna, Selfie di gruppo, Panorama, Professionale, Ritratto e altro. Anche HDR e flash possono essere abilitati.

Moto g52, un buon telefono midrange a cui manca il 5G

La fotocamera principale da 50 MP offre scatti di buona qualità alla luce del giorno. I colori sono nitidi e fedeli. In condizioni di scarsa illuminazione le foto hanno rumore anche quando è attivata la modalità notturna.

Moto g52, un buon telefono midrange a cui manca il 5G

La ultragrandangolare da 8 MP copre un buon campo visivo ma la qualità dell’immagini ottenute è inferiore a quelle acquisite con la fotocamera principale. Serve per scattare foto di gruppo o panoramiche, ma funge anche da sensore di profondità della fotocamera principale per sfocare lo sfondo automaticamente e creare ritratti in stile professionale.

Moto g52, un buon telefono midrange a cui manca il 5G

Il sensore macro da 2 MP consente di fare scatti ravvicinati ma ha problemi di messa a fuoco così che cattura meno dettagli di quanto dovrebbe.

La fotocamera anteriore da 16 MP fa bene il suo lavoro. Fornisce video di buona qualità durante le web conference. Il soggetto nei selfie viene evidenziato senza sfocare lo sfondo che risulta visibile quanto il soggetto con nessuno dei due che interrompe la messa a fuoco dell’altro.

Con un listino di 299,90 euro, il Moto g52 è attualmente in offerta su Amazon a 202 euro, un prezzo che potrebbe renderlo un best buy.

Gennaro Annunziata

CRONACA