Turris, è Caponi il primo rinforzo per Canzi

metropolisweb,  

Turris, è Caponi il primo rinforzo per Canzi

Il centrocampo è sicuramente uno dei settori dove la Turris dovrà necessariamente innestare calciatori. La rescissione di Bordo ha ancora di più ridotto all’osso questa porzione di campo. Se ci mettiamo poi anche la corte spietata del Padova per Tascone, in organico resterebbe il solo Iglio. Per questo motivo, i corallini hanno praticamente bloccato il primo rinforzo nella zona nevralgica del campo. Si tratta dell’esperto Andrea Caponi che ha giocato nell’ultima stagione al Pontedera vestendo la fascia da capitano. Nato ad Empoli nel 1988, Caponi è un centrocampista centrale dalla grande leadership ma con un piede molto educato. Nell’ultima stagione ha collezionato 29 presenze con 2 gol e ben 7 assist. Con la maglia del club pontederese è stata una lunga storia d’amore se vogliamo. In granata ha infatti giocato prima dal 2012 al 2015 e successivamente dal 2016 fino a quest’anno. Le uniche parentesi differenti sono state Pisa e Tuttocuoio. Caponi, cresciuto nelle giovanili dell’Empoli, ha costruito tutta la sua carriera praticamente sempre in Toscana. La Turris rappresenta per lui un mondo nuovo. Non ha mai giocato in una piazza calda come quella torrese ma ha una grande voglia di fare questa nuova esperienza dopo tanti anni trascorsi nello stesso posto. Il 34enne dovrebbe firmare un contratto annuale con opzione per la stagione successiva. L’accordo è stato raggiunto da diverse settimane. A spingere per l’acquisto è stato l’allenatore Massimiliano Canzi che ha visto all’opera il ragazzo proprio contro il suo Olbia la scorsa stagione. Il tecnico è in continuo contatto con l’area tecnica che sta lavorando a fari spenti per allestire un organico competitivo dopo una fase di mercato caratterizzata da mancati rinnovi, fine prestiti e rescissioni. Non solo over, la Turris sta guardando al mercato degli under. In settimana Primicile dovrebbe volare a Milano per chiudere trattative con profili giovani in grado di poter garantire anche minutaggio.

Bruno Galvan

CRONACA