Michele Imparato

Juve Stabia, Ricci il primo tassello. Offerto Plescia

Michele Imparato,  

Juve Stabia, Ricci il primo tassello. Offerto Plescia

La Juve Stabia ha annunciato il primo acquisto. Si tratta di Manuel Ricci, centrocampista nell’ultima stagione al Potenza. Svincolato, Ricci ha firmato un contratto di due anni con le Vespe. Il calciatore, natio di Anzio, è cresciuto calcisticamente nella Lazio e ha vestito, tra le altre, le maglie del Monza, del Pergocrema, dell’Avellino, della Salernitana, della Reggiana, della Lupa Roma, dell’Anzio, del Matera e del Potenza. “Darò il massimo per onorare questa gloriosa maglia che merita palcoscenici importanti. La speranza è di vedere tutto lo stadio Romeo Menti pieno, perchè è in grado di dare una spinta incredibile e portarci alla vittoria”. Ricci è il primo tassello per la nuova Juve Stabia che sarà allenata da Leonardo Colucci ma il ds Giuseppe Di Bari, ovviamente, sta sondando il mercato e ha diverse trattative in piedi e non è da escludere che nei prossimi giorni la società possa annunciare qualche nuovo arrivo. Nelle ultime ore è stato accostato alle Vespe il nome di Angelo Bonavolontà. Il centrocampista quest’anno giocato nella Fidelis Andria dopo essere stato ceduto in prestito dalla Paganese. Nella squadra pugliese, che poi si è salvata dopo i playout proprio contro la Paganese, Bonavolontà ha giocato 30 partite segnando un gol nel derby contro il Foggia. Bonavolontà, che compirà 22 anni ad agosto, sarebbe stato proposto alla Juve Stabia che però per quanto riguarda i centrocampisti ha un reparto già affollato visto che ci sono ancora Scaccabarozzi, Davì, Erradi, Altobelli, Schiavi, Guarracino più il giovane Oliva rientrato alla base. Il contatto tra Di Bari e l’agente di Bonavolontà, Pisacane, c’è stato e il calciatore della Paganese è seguito anche dal Giugliano. Per quanto riguarda l’attacco, invece, l’Avellino avrebbe proposto alla Juve Stabia Vincenzo Plescia. Si tratta di uno di quei calciatori che il club irpino ha messo in lista di sbarco. Plescia, palermitano di nascita, cresciuto nelle giovanili del Palermo, in carriera ha vestito le maglie di Siracusa, Roccella, Empoli, Gubbio, Renate e Vibonese. Prima di approdare all’Avellino ha segnato 11 gol in 32 presenze con la maglia della Vibonese e coi lupi Plescia ha segnato 2 gol ma non ha giocato molto visto che Braglia e poi Gautieri hanno puntato su Maniero. Infatti, Plescia era stato acquistato per essere il vice di Maniero, altro calciatore in uscita e per il quale la Juve Stabia, la Turris e altre formazioni di Lega Pro hanno fatto un pensiero. Tornando a Plescia è alto 189 centimetri ed è il prototipo del centravanti moderno. In stand by la trattatva con Fabio Tito. Altro elemento in uscita dall’Avellino su cui la Juve Stabia ha messo gli occhi da tempo. Il terzino stabiese ha ancora due anni di contratto con l’Avellino ma la società irpina non ha intenzione di confermarlo. La Juve Stabia avrebbe proposto a Tito un biennale mentre l’entourage del calciatore ha chiesto tre anni e per ora la trattativa si è bloccata. Sembrerebbe in atto un vera e propria rivoluzione in casa Avellino. Il direttore sportivo del club biancoverde, Vincenzo De Vito, è costantemente al lavoro per cercare di consegnare nella mani di Roberto Taurino una squadra pronta a prendersi la scena nella prossima stagione di Serie C. La società del presidente Angelo Antonio D’Agostino prima di comprare, starebbe tentando di liberarsi dei giocatori che non fanno parte del progetto tecnico-tattico di mister Taurino. Alla porta, pronti a dire addio all’Avellino, ci sono molteplici giocatori. Quasi sicuramente lasceranno l’Irpinia Francesco Forte, Salvatore Aloi, Riccardo Maniero, Luigi Silvestri e Vincenzo Plescia. Alla lista dei partenti si sarebbero aggiunti anche Fabio Tito e Simone Ciancio. Non è da escludere che qualcun altro potrebbe aggregarsi a questo elenco. Sono, invece, sei i calciatori che sicuramente resteranno ai lupi. L’Avellino avrà come base da cui ripartire giocatori come Claudiu Micovschi, Alberto Dossena, Mamadou Kanoute, Antonio Matera, Pasquale Pane e Antonio Pizzella. Sembrava destinato a partire Pietro Perina, ma il suo futuro potrebbe essere ancora alla Turris. Le offerte arrivate al ds Primicile da Cerignola e Taranto per il portiere non hanno soddisfatto la società corallina e Perina, che ha ancora un anno di contratto, sembra destinato a restare alla Turris. Intanto la società corallina ha bloccato Caponi che andrà a colmare la casella vuota lasciata da Bordo. Il centrocampista 34enne, che ha lasciato il Pontedera di cui è stato anche capitano, dovrebbe essere ufficializzato a stretto giro dalla Turris. L’ex allenatore dei corallini Bruno Caneo allenerà il Padova dove prenderà il posto di Massimo Oddo che non è stato confermato dopo aver perso la finale playoff col Palermo. Caneo, vicinissimo il mese scorso alla Juve Stabia, ha chiesto al Padova anche uno sforzo economico per acquistare Leonetti, Manzi e Tascone. I tre vanno in scadenza il giugno prossimo ma Colantonio prenderà in considerazione solo offerte irrinunciabili.

CRONACA