Alberto Dortucci

Ztl a Ercolano, niente passi indietro: «Ora subito i parcheggi»

Alberto Dortucci,  
Dopo le proteste, il sindaco incontra i commercianti contrari al dispositivo: «Necessario per il turismo, utilizzeremo le scuole per recuperare posti auto»

Ztl a Ercolano, niente passi indietro: «Ora subito i parcheggi»

Ercolano. Si è presentato – guardato a vista da diversi carabinieri e agenti di polizia – alle 11 in punto in via IV Novembre, la «strada della discordia» per la ztl istituita dal Comune. Una «visita» per raccogliere le lamentele e i suggerimenti dei commercianti della zona, partendo da un punto fermo: «Non si torna indietro perché Ercolano è una città turistica e dobbiamo creare le condizioni per accogliere nel migliore dei modi i visitatori», il concetto ripetuto dal sindaco Ciro Buonajuto al nutrito gruppo di esercenti e residenti accorsi sotto il gazebo di un locale «interessato» dal dispositivo di viabilità promosso dall’ente di corso Resina.

Ztl a Ercolano, niente passi indietro: «Ora subito i parcheggi»

L’acceso dibattito

Durante la discussione in strada non sono mancati – a dispetto del clima sostanzialmente pacifico e collaborativo, a differenza della protesta inscenata lo scorso week end – momenti di acceso confronto, con i commercianti pronti a ribadire come «con la ztl saremo costretti a chiudere le nostre attività». E a sventolare sotto il naso del primo cittadino il cestino con le chiavi dei negozi già portate in municipio all’epoca dell’istituzione del senso unico di marcia lungo il secondo tratto di corso Resina e del via libera alla sosta a pagamento all’ombra del Vesuvio. Una circostanza sottolineata proprio dal leader locale di Italia Viva: «In quelle occasioni portaste le chiavi dei negozi in municipio perché sembrava dovesse arrivare la fine del commercio – le parole del primo cittadino -. Fortunatamente, siamo tutti qui, oggi come allora». Parole per stemperare la tensione e per chiedere di fare fiducia all’iniziativa finalizzata a una migliore accoglienza dei turisti: «A Portici la ztl funziona, al punto che i commercianti chiedono maggiori zone a traffico limitato – le parole di Ciro Buonajuto -. Lo stesso succede a Torre del Greco. Non possiamo restare indietro, la strada è giusta: chiedo un paio di mesi di tempo per valutare i risultati».

Sos parcheggi

Davanti alla ferma intenzione del sindaco di portare avanti la ztl, i commercianti hanno ribadito come un dispositivo del genere non possa funzionare senza un’adeguata rete di parcheggi. Uno spunto raccolto al volo dal primo cittadino, pronto – alla presenza del vice Luigi Luciani e dell’assessore Carmela Saulino, mentre il «paladino dei commercianti» Gioacchino Acampora si è tenuto alla larga da via IV Novembre – a garantire un’azione immediata per “recuperare” posti auto per la sosta: «Possiamo partire dall’area esterna della scuola Rodinò, per poi allargare il campo», l’impegno dello storico figlioccio dell’ex premier Matteo Renzi. Parcheggi, magari, affidati alla Tmp in modo da garantire un’adeguata rotazione delle auto in sosta.

@riproduzione riservata

CRONACA