Fiamme in un deposito di articoli pirotecnici, paura a Trecase. Salvati due anziani

Pasquale Malvone,  

Fiamme in un deposito di articoli pirotecnici, paura a Trecase. Salvati due anziani

Incendio nel cortile di uno storico palazzo del centro di Trecase, alle spalle di un negozio di fuochi d’artificio: salvati due anziani. Tragedia sfiorata nella serata di giovedì quando si sono sviluppate le fiamme nel retro di un locale commerciale di via Vesuvio, specializzato nella vendita di prodotti pirotecnici. Le cause sono ancora da accertare e spetterà ai carabinieri di Trecase fare luce su quanto accaduto. Ma chi ha rischiato grosso è stata una coppia di anziani che vive al piano di sopra. Quando hanno tentato di scappare e mettersi in salvo, il fumo aveva già invaso le scale della palazzina. Bloccati nel loro stesso appartamento, senza via d’uscita. Sono stati i vigili del fuoco del distaccamento di Castellammare a portarli in salvo, mentre tentavano di domare le fiamme che rischiavano di propagarsi nel deposito sul retro del negozio. In caso contrario, il bilancio sarebbe stato molto più pesante. Il fattore tempo è stato determinante. Alcuni residenti, allarmati dallo scoppio di alcuni petardi, si sono precipitati in strada e, una volta che si sono accorti del fumo che fuoriusciva dal portone di ingresso, hanno fatto partire l’allarme. Immediata la telefonata di pronto intervento ai vigili del fuoco che si sono letteralmente precipitati sul posto con due squadre. Dopo una ventina di minuti dalla telefonata erano già all’opera con gli idranti. Sul posto anche i carabinieri e l’ambulanza del 118. A preoccupare era la presenza di due anziani coniugi che in quel momento si trovavano nell’appartamento al piano superiore, bloccati in casa dal fumo denso e dalle fiamme che avevano avvolto anche l’uscita. I “caschi rossi” sono riusciti a entrare nell’abitazione e mettere al sicuro i due occupanti. Per fortuna, i coniugi se la sono cavata solo con un grosso spavento. Ma ci sono volute più di due ore prima di riuscire a domare le fiamme che rischiavano di propagarsi all’interno del magazzino. In strada si era formato un capannello di curiosi che hanno assistito col fiato sospeso alle operazioni di salvataggio e spegnimento. Ora tocca ai militari dell’Arma determinare le cause del rogo. Al momento vengono vagliate tutte le ipotesi, anche se quella più accreditata è quella di un corto circuito. Ma se ne saprà di più nelle prossime ore quando i vigili del fuoco consegneranno nelle mani degli investigatori la relazione finale sull’intervento, in base alla quale sarà possibile stabilire cosa abbia provocato l’incendio. I due anziani hanno potuto fare ritorno nel loro appartamento solo a notte fonda quando i vigili del fuoco hanno messo in sicurezza la palazzina. Una vicenda che, vista la dinamica, poteva avere un epilogo tragico. Se le fiamme si fossero propagate nel negozio di fuochi d’artificio, le conseguenze sarebbero state devastanti. Ed è stato grazie al tempestivo intervento dei vigili del fuoco che è stato possibile domare l’incendio.

CRONACA