La vita è un lusso, 276 milioni di persone soffrono la fame

metropolisweb,  

La vita è un lusso, 276 milioni di persone soffrono la fame

I bambini e le loro famiglie, che stanno affrontando la peggiore carestia globale degli ultimi decenni, ricorrono a mezzi disperati per sopravvivere, come bere dagli abbeveratoi del bestiame, mangiare carne putrida e lottare contro gli animali selvatici per procurarsi il cibo.

Lo afferma Save the Children, che ha stanziato 28,5 milioni di fondi per affrontare l’emergenza. Dagli ultimi dati disponibili si evince che il numero di persone che soffrono la fame ogni giorno è raddoppiato, passando da 135 milioni a 276 milioni negli ultimi due anni. Attualmente 750.000 persone stanno affrontando condizioni di fame in cinque Paesi – Etiopia, Yemen, Sud Sudan, Afghanistan e Somalia – a causa della siccità che si aggiunge agli effetti dei conflitti e del Covid-19.

La guerra in Ucraina ha sconvolto il sistema alimentare globale facendo schizzare alle stelle i prezzi del grano e dell’olio di girasole e aggravando la grave crisi alimentare nei Paesi che vanno dall’Afghanistan allo Yemen, fino alla regione del Sahel, nell’Africa occidentale, dove il personale di Save the Children vede sempre più bambini con un livello di malnutrizione potenzialmente letale.

Il Corno d’Africa è stretto nella morsa della siccità dopo quattro stagioni consecutive di mancate piogge, 18,4 milioni di persone si trovano ad affrontare un’acuta insicurezza alimentare con il timore che si ripeta quanto avvenuto nel 2011, quando la mancanza di interventi portò alla carestia in Somalia che uccise 260.000 persone, la metà dei quali erano bambini sotto i 5 anni.

In alcune zone del Kenya settentrionale l’unica acqua disponibile per alcune famiglie proviene da abbeveratoi per animali, con la conseguente diffusone nelle comunità di malattie debilitanti come la diarrea, con gravi conseguenze per i bambini.

Il personale di Save the Children che lavora nell’Etiopia orientale ha constatato un aumento degli sconfinamenti negli insediamenti urbani da parte di animali selvatici affamati, con scimmie che attaccano donne e bambini che pensano stiano trasportando cibo o acqua e facoceri che entrano nelle case.

In Somalia le segnalazioni di bambini affetti da malnutrizione sono in rapido aumento. Si prevede che entro la fine dell’anno 1,5 milioni di bambini saranno affetti da malnutrizione acuta, di essi 386.400 probabilmente gravemente malnutriti.

In risposta all’aggravarsi della crisi, Save the Children ha dichiarato di aver stanziato 28,5 milioni di dollari per 19 Paesi che si trovano ad affrontare urgenti emergenze legate alla fame. Si tratta del più grande versamento di denaro mai effettuato dal suo Fondo Umanitario, una struttura flessibile che gestisce ed eroga fondi per sostenere la preparazione alle emergenze considerate non prioritarie.

“La peggiore crisi alimentare globale degli ultimi decenni sta mettendo a rischio la vita di milioni di bambini. L’impatto combinato dei conflitti, dei cambiamenti climatici, del Covid e del costo dei prezzi alimentari gonfiati a causa del conflitto in Ucraina ha portato 750.000 persone ad affrontare la carestia. Altri 49 milioni di persone potrebbero presto seguirli se non riceveranno un sostegno immediato. Se non si interviene subito, le conseguenze saranno catastrofiche e potrebbero costare migliaia di vite”, ha dichiarato Gabriella Waaijman, direttrice umanitaria di Save the Children.

“Negli ultimi decenni – ha aggiunto – sono stati compiuti enormi progressi per ridurre la fame nel mondo. I Paesi in prima linea nella crisi climatica sono diventati sempre più resilienti, con metodi nuovi e innovativi per gestire il rischio di crisi cicliche come la siccità. Tutti i Paesi, però, hanno un limite che per molti è già stato superato. I progressi raggiunti in precedenza si stanno ora invertendo”.

CRONACA