Andrea Ripa

Allarme per furti e rapine nel Vesuviano: i sindaci chiedono più controlli, ma i rinforzi sino minimi

Andrea Ripa,  

Allarme per furti e rapine nel Vesuviano: i sindaci chiedono più controlli, ma i rinforzi sino minimi

A leggere qualche post sulle bacheche dei sindaci del Vesuviano, promotori di un incontro per la sicurezza nel Vesuviano, l’emergenza legata ai furti e le rapine in casa sembra essere stata risolta con il summit di alcuni giorni fa. La realtà è ben diversa da quella che si scorge «scrollando» con le dita lo schermo dello smartphone o del tablet. E i rinforzi annunciati sono minimi, per consentire alle comunità di poter «dormire sonni tranquilli». D’altronde lo ha sottolineato anche il ministro dell’Interno nei giorni scorsi a Napoli, per il premio Ammaturo, dove ha sottolineato la carenza di organico nelle forze dell’ordine tra il capoluogo partenopeo e la provincia: «Lavoriamo per potenziare gli organici delle forze dell’ordine ma pensare che dietro ogni cittadino ci sia un poliziotto è difficile. Il risultato del potenziamento si vedrà ma non potrà evitare del tutto i fatti di cronaca. Metteremo però il massimo impegno sulla prevenzione da parte di tutti noi», le parole di Lamorgese di alcuni giorni fa. Nel frattempo l’incontro di alcuni giorni fa nel commissariato di polizia di San Giuseppe Vesuviano, all’attenzione del vicequestore Maria Antonietta Ferrara, ha prodotto il primo effetto. Due motociclisti in più al fianco delle pattuglie di polizia che gireranno tra Poggiomarino, Terzigno, Somma Vesuviana, Ottaviano, San Giuseppe Vesuviano, Striano e gli altri comuni di competenza territoriale del presidio di sicurezza di via Umberto Saba. Un segnale dopo gli allarmi dei giorni scorsi, legati soprattutto a fatti di cronaca gravi come i furti nelle abitazioni sempre più diffusi nel territorio vesuviano e nolano. Al summit con i vertici del commissariato di polizia di San Giuseppe Vesuviano di qualche giorno fa hanno preso parte gli amministratori di Poggiomarino, Terzigno, Striano e Somma Vesuviana. La richiesta arrivata dagli amministratori è stata quella di ottenere un maggiore controllo del territorio da parte delle forze dell’ordine, con le poche risorse a disposizione verranno garantiti due motociclisti in più. Nel frattempo l’allarme per i furti e le rapine nelle abitazioni, come i tantissimi episodi di microcriminalità all’ombra del Vesuviano vanno avanti senza sosta. Una scia di casi difficile da inseguire. Nell’attesa di potenziare gli organici come promesso alcuni giorni fa dal ministro dell’Interno per Napoli e la sua provincia.

CRONACA