Vesuvio, tornano i roghi: «C’è la mano dei piromani»

Redazione,  

Vesuvio, tornano i roghi: «C’è la mano dei piromani»

Ancora fuoco. Ancora incendi. Ancora roghi dolosi. Ancora un attentato alla natura. L’estate entra nel vivo e tornano in azione i piromani: sì, non ha dubbi il sindaco di Somma Vesuviana Sebastiano Di Sarno che lo dice chiaro e tondo sui social network. «C’è la mano dell’uomo». Ieri due roghi di vaste dimensioni hanno interessato il Vesuvio, nel territorio di Somma Vesuviana, e un’area boschiva del comune di Pellezzano, in provincia di Salerno. A Somma Vesuviana nella giornata di ieri sono stati interessati circa due ettari di area boschiva. Sul posto il Dos (direttore operazioni spegnimento) regionale che ha anche richiesto alla Sala operativa regionale (Soru) l’attivazione di due elicotteri della Protezione civile campana che sono già sul posto e hanno dovuto fronteggiare le fiamme dall’alto. Due squadre di volontari regionali invece erano presenti da terra. Altri volontari del servizio antincendio boschivo della Regione e di Sma Campania erano impegnati invece a Pellezzano, dove la lotta avviene con l’ausilio di un elicottero della Protezione Civile regionale. Le operazioni di spegnimento si sono protratte sino al pomeriggio a Somma Vesuviana. L’ennesima giornata di fiamme e roghi, di disagi e paura, alimenta tensione. Il primo cittadino Di Sarno non ha peli sulla lingua, dice chiaro e tondo che a suo avviso dietro gli incendi esiste una pista criminale. Lo ribadisce in una lunga diretta su Facebook dove ha documentato l’impegno dei volontari per spegnere i roghi sul territorio e scongiurare il peggio. «Come quasi tutti i giorni – le dure parole del sindaco di Somma Vesuviana – ci sono incendi sul territorio, è una situazione che è divenuta praticamente insostenibile. C’è bisogno di elicotteri e c’è bisogno anche della città. Sicuramente c’è la mano dell’uomo». Il sindaco Di Sarno chiede una presa di coscienza generale sulla questione incendi: «Se si riuscisse a prevenire sarebbe la cosa migliore – le parole del primo cittadino – Esiste un grosso lavoro dei volontari che collaborano. Oggi invece di stare al mare, in tanti si sono prodigati per spegnere gli incendi».

CRONACA