Il sindaco di Pompei promuove il cartellone degli eventi e scaccia le polemiche

Salvatore Piro,  

Il sindaco di Pompei promuove il cartellone degli eventi e scaccia le polemiche

«Abbiamo creato un cartellone di eventi che, vista la numerosa partecipazione, si è rivelato di grande successo. Decine di persone dai comuni limitrofi stanno chiamando nella mia segreteria per complimentarsi per gli spettacoli gratuiti di alto spessore che solo la città Pompei ha saputo organizzare». A parlare è il sindaco Carmine Lo Sapio. Il primo cittadino, intervistato ieri da Metropolis, ha così risposto alle varie critiche mosse soprattutto tramite i Social e relative a un’organizzazione «non ottimale (per usare un eufemismo ndr)» degli eventi da circa 450mila euro che stanno riempiendo a suon di musica e di cabaret l’estate pompeiana. Polemiche nate a seguito del concerto di Tullio De Piscopo che ha riscosso un buon successo. «Dopo il grande buio rappresentato dalla pandemia da Covid-19 – ha proseguito il sindaco – finalmente sono tornate le luci e i colori della normalità. Gli eventi sono il motore dell’economia di una città turistica. Per la prima volta, nella storia politica della città, la nuova Pompei ha organizzato eventi di richiamo turistico.  Per chi ha sempre da fare critiche disfattiste e non costruttive dico che investire negli eventi non è spendere. Se il comune avesse la possibilità economica di investire milioni di euro per gli eventi, procederei senza alcun indugio. Le amministrazioni che non investono nel campo della promozione turistica sono fallimentari». Il sindaco ha inoltre disposto l’ingresso ai disabili anche senza prenotazione. Proprio la necessità di prenotarsi on-line, tramite una piattaforma web espressamente dedicata allo scopo, ha scatenato le polemiche di scettici e detrattori. Le prenotazioni, però, rappresentano delle necessarie prescrizioni dettate dalla commissione dei pubblici spettacoli che, per evidenti ragioni di sicurezza e di ordine pubblico, impone infatti un numero limitato di pubblico (circa 2mila persone in piazza Schettini, ndr) e la garanzia delle vie di fuga. Per gestire i flussi bisogna quindi disporre un criterio di priorità: la prenotazione, anche se solo on-line, appunto. «Abbiamo garantito spettacoli di musica pop, rock, jazz e cabaret: praticamente abbiamo accontentato tutte le fasce di età, dai giovanissimi ai più adulti. Tullio De Piscopo (esibitosi in piazza Schettini sabato sera ndr) è andato sold out dopo appena due ore dall’apertura della piattaforma delle prenotazioni. Stesso discorso per i comici di ‘Made in Sud’ Simone Schettino e Nello Iorio, in programma per il 20 luglio, ed Erminio Sinni per sabato 23. Per Mario Biondi, sicuramente, in meno di 30 minuti sarà già tutto esaurito», ha chiosato con soddisfazione il primo cittadino di Pompei. L’appuntamento clou sarà il 27 luglio con il «Capodanno dell’estate» sulle note di Mario Biondi: un bianco con la voce nera. 6 agosto e 28 agosto Artemus; 9 settembre Eugenio Bennato; 23, 24 e 25 settembre “Pompei Street Art Festival” …dal cuore della città moderna a quello della città antica lungo un filo di “emozioni e di suggestione”.

CRONACA