Sperona un’auto e scappa via: tre giovani feriti tra Terzigno e Boscoreale. Caccia al pirata della strada

Giovanna Salvati,  

Sperona un’auto e scappa via: tre giovani feriti tra Terzigno e Boscoreale. Caccia al pirata della strada

Ha speronato un’auto facendola finire fuori strada e poi è scappato via. Ancora un’altra notte di inferno lungo le arterie della provincia vesuviana, ancora un altro incidente che poteva costare la vita ad un conducente di un’auto che si è trovato nel posto sbagliato al momento sbagliato. Teatro dell’ennesima tragedia sfiorata via Panoramica sul tratto di competenza tra i Comuni di Boscoreale e Terzigno. Solo una settimana fa uno scooter fu travolto da una macchina. Era guidato da un uomo che però stava viaggiando con una bimba e la madre in sella. La piccola è ancora in ospedale e dovrà essere operata alle gambe, suo padre altrettanto perché ha riportato un trauma cranico. Ieri notte un nuovo incidente. I carabinieri stanno cercando il proprietario di una Bmw che giovedì notte, sulla strada provinciale Panoramica, tra Boscoreale e Terzigno, ha provocato un terribile incidente, dove sono rimaste ferite tre persone,  ed è scappato senza prestare soccorso.  Un incidente durante pochissimi secondi ma che poteva trasformarsi nell’ennesima tragedia per una delle strade killer dell’hinterland vesuviano. All’interno della Fiat Panda viaggiavano tre persone: procedevano a velocità moderata anche perché quel tratto stradale che non consente visibilità piena visto i numero tornanti che ci sono, ma sono stati sorpassati a tutta velocità da un’autovettura, una Bmw, che avrebbe urtato violentemente il passaruote posteriore, facendo perdere il controllo del mezzo all’autista. La Panda si è andata a schiantare contro dei tralicci in cemento a protezione della strada mentre la Bmw ha continuato la sua folle corsa senza nemmeno fermarsi. I tre sono riusciti ad uscire dalla macchina completamente sotto choc e con numerose ferite alla testa e alle braccia, curate successivamente dai medici giunti sul posto poco dopo. Uno dei passeggeri ha trovato la forze di contattare i carabinieri e sul posto sono piombati i militari del nucleo radiomobile che hanno poi allertato i camici bianchi del 118. Tre ambulanze hanno trasportato i tre passeggeri al vicino ospedale di Nola e al porto soccorso dell’ospedale di Castellammare di Stabia per gli accertamenti dettati dal caso. Sono stati medicati ma restano ancora sotto osservazione almeno per le prossime 72 ore. Una precauzione per i medici per capire se battendo la testa ci possano essere state lesioni anche se al momento stanno bene ed è esclusa questa ipotesi. Intanto i militari sono alla caccia della macchina: hanno raccolto una serie di elementi da parte dei tre testimoni e nel frattempo stanno provando a ricostruire l’intera vicenda anche con il supporto delle telecamere della vidosorveglianza incrociando più immagini visto che quel tratto non è coperto da telecamere. Il pirata della strada potrebbe quindi avere le ore contate.

CRONACA