Andrea Ripa

Da Pompei a Stabia: gli eventi di agosto tra le domus di notte

Andrea Ripa,  

Da Pompei a Stabia: gli eventi di agosto tra le domus di notte

Pompei traina la ripresa turistica dei cosiddetti siti minori. Da oggi e fino a ottobre prossimo, tra le ville antiche scoperte nel corso degli anni tra Pompei, Torre Annunziata, Boscoreale e Castellammare di Stabia saranno attivi percorsi guidati notturni. Il fascino delle domus nelle notti d’estate. Un evento che ha già fatto il boom di visite sia a Pompei che a Ercolano e che ora verrà replicato tra le altre rovine del territorio vesuviano e stabiese. Tutti i sabato e domenica dal 6 agosto e fino al 2 ottobre dalle ore 20 alle ore 23 (con ultimo ingresso alle ore 22) sarà possibile accedere a Villa San Marco a Stabia, alla Villa di Poppea a Oplontis, a Villa Regina a Boscoreale illuminate per l’occasione e al Museo Archeologico di Stabia Libero D’Orsi – Reggia di Quisisana per passeggiate notturne ma anche visite guidate tematiche, percorsi narrati e performance teatrali. Il programma si aggiunge al calendario di appuntamenti a Pompei, che prevede passeggiate notturne nei venerdì di agosto fino al 26 agosto (escluso il 12) al costo di 5€ (riduzioni e gratuità come da normative). Aperture serali a Villa San Marco e “Domenica alla Reggia” presso il Museo Archeologico di Stabia Libero D’Orsi – Reggia di Quisisana nelle domeniche del 7, 14, 21, 28 agosto, 4, 11, 18 e 25 settembre e 2 ottobre, dalle ore 20:00 alle 23:00. Al Museo Archeologico di Stabia Libero D’Orsi, inoltre, nelle date di settembre sono in programma le seguenti visite guidate e performance teatrali gratuite: il 4 settembre percorso vitinicolo plurimillenario, l’11 settembre Stabiae città d’arte con visite guidate a cura di Archeoclub e il 18 settembre un percorso storico sull’insediamento borbonico a Quisisana a cura del professor Pierluigi Fiorenza; mentre il 2 ottobre una visita guidata con gli occhi di Libero D’Orsi. I sabato alla Villa di Poppea e a Villa Regina. Aperture serali alla Villa di Poppea ad Oplontis e alla Villa Regina di Boscoreale sabato 6, 13, 20, 27 agosto, 3, 10, 17, 25 settembre e 1 ottobre dalle ore 20:00 alle ore 23:00.In programma alla Villa di Poppea nelle date di agosto i seguenti itinerari tematici gratuiti, a cura dell’Archeoclub di Torre Annunziata “Mario Prosperi” e del gruppo storico Oplontino in collaborazione con l’associazione Ospitalità diffusa. Si parte oggi con Lusso e bellezza ad Oplontis: approfondimento tematico con letture tratte da opere di Ovidio ed esposizione presso il giardino meridionale, di oggetti relativi alla cosmesi, all’igiene ed ornamenti del mondo antico. Per l’occasione, l’Associazione Ospitalità diffusa si occuperà dell’accoglienza dei visitatori e di organizzare una visita in lingua inglese alle ore 20:00; il 13 agosto Vinalia rustica approfondimento tematico presso il giardino meridionale con letture tratte da testi classici sul tema del vino e sulla festa romana in onore di Venere che veniva celebrata il 19 agosto per propiziare l’abbondanza della vendemmia; mentre il 20 agosto approfondimento tematico sulle tecniche pittoriche che è possibile ammirare anche negli spazi della Villa di Poppea con i suoi magnifici affreschi così ancora ben conservati.27 agosto: approfondimento tematico sulla lavorazione del vetro con riferimento anche agli oggetti rinvenuti ad Oplontis quali balsamari, coppe e barattoli in vetro. Un programma che entra nel vivo nei giorni in cui il parco archeologico di Pompei e il Comune hanno firmato un accordo per la valorizzazione delle bellezze del territorio e la programmazione di nuovi eventi. Un protocollo di intesa che regola i rapporti tra il Comune di Pompei e il Parco Archeologico «per l’educazione, lo sviluppo e la promozione delle attività culturali legate alla realizzazione di eventi, iniziative e manifestazioni». Lo hanno firmato nei giorni scorsi il direttore generale del parco Gabriel Zuchtriegel e il sindaco Carmine Lo Sapio, che parla di un «accordo storico» perché mai prima si era riusciti «ad unire le sinergie dei due enti, sempre distanti e divisi, per lo sviluppo turistico ed economico della città». Il Comune di Pompei si è posto «l’obiettivo di collaborare attivamente con il Parco Archeologico – si legge in una nota congiunta – nell’ambito di progetti di valorizzazione del patrimonio culturale del territorio», attraverso ad esempio manifestazioni artistiche e culturali da realizzare con una «maggiore integrazione e sinergia tra i vari soggetti, sia pubblici che privati». I due enti intendono anche attuare «forme di cooperazione finalizzate alla realizzazione, in modo congiunto, di un complessivo progetto di conservazione, valorizzazione e fruizione sostenibile, con la finalità di implementare e migliorare i servizi turistici offerti al territorio e realizzare un polo turistico di eccellenza».

CRONACA