Turris. Longo vota Canzi: «Sono rinato con lui»

metropolisweb,  

Turris. Longo vota Canzi: «Sono rinato con lui»

Salvatore Longo è senza dubbio l’uomo copertina di questa fase di preparazione. L’attaccante siciliano, apparso rigenerato dal nuovo corso di Massimiliano Canzi, ha tutte le intenzioni di restare in maglia corallina per riscattarsi dopo una stagione piuttosto deludente con zero reti all’attivo: “E’ aumentata sicuramente la consapevolezza nei miei mezzi. Inoltre – spiega il centravanti – ho acquisito maggiore conoscenza della categoria. Lo scorso anno sono stato bersagliato da continui problemi ai talloni che non mi hanno permesso di rendere al massimo. Adesso sto bene e credo lo si sia visto in questa fase della stagione”.

Canzi ha speso sempre belle parole nei tuoi confronti. Quanto è importante sentire la fiducia del mister?

“La fiducia dell’allenatore credo sia una cosa importantissima. Ho letto le parole del mister nei miei riguardi, avere la sua stima mi motiva sempre di più a dare il massimo in ogni allenamento che facciamo”.

Come vi state trovando voi attaccanti in questo schema con il trequartista?

“Non è cambiato moltissimo. Con un trequartista ed un’altra punta penso che per noi centravanti sia meglio perché riusciamo di più a dialogare nello stretto con gli scambi senza correre il rischio di restare troppo isolati. Lavorando sulla fase offensiva in allenamento possiamo essere decisivi come lo scorso anno anche utilizzando un trequarti dietro le due punte”.

Come vedresti un eventuale arrivo di Maniero?

“Parliamo di un calciatore forte che aumenterebbe la nostra forza. In generale penso che la concorrenza in ogni ruolo aiuti a crescere e dare sempre di più. Per me non sarebbe un problema un eventuale suo approdo a Torre del Greco. Sarà il mister a decidere di volta in volta chi schierare. La cosa importante è allenarsi bene quotidianamente”.

C’è un compagno sul quale punteresti per la nuova stagione?

“Vito (Leonetti ndr) perché incarna in pieno lo spirito dell’attaccante. Gioca con la stessa cattiveria agonistica sia in allenamento che in partita. Ha sempre fame di gol. Un calciatore così è difficile da trovare così come Santaniello e Giannone”.

Secondo te quale ruolo potrà recitare la Turris in questo campionato? “Il primo obiettivo è quello di raggiungere la salvezza. Successivamente lotteremo per dire la nostra sapendo che ci sono quattro squadre costruite per vincere il girone. Come sempre ci aspetterà una battaglia ogni domenica su ogni campo e contro ogni avversario. Noi siamo pronti ad accettare questa sfida con il lavoro, umiltà e voglia di fare sempre meglio con questa maglia”.

Bruno Galvan

CRONACA