Portici, si lancia in mare da villa d’Elboeuf: sfiorata la tragedia al porto

metropolisweb,  

Portici, si lancia in mare da villa d’Elboeuf: sfiorata la tragedia al porto

Portici. Si è lanciato nello specchio d’acqua antistante Villa d’Elboeuf e si stava lentamente lasciando andare in mare. Solo il tempestivo e provvidenziale intervento della guardia costiera ha scongiurato una nuovo tragedia al porto del Granatello.

E’ successo intorno alle 20 del giorno di San Lorenzo, quando sulla città della Reggia si è abbattuto un violento temporale. Uno scenario da brividi, capace di lasciare deserto il molo del Granatello.

Dove un uomo di 50 anni – in evidente stato confusionale – ha provato a togliersi la vita, lanciandosi in mare dalla zona di Villa d’Elboeuf. Il tentativo di suicidio è stato sventato dal tempestivo e immediato intervento del capo del secondo nucleo operatori subacquei della Guardia Costiera, dislocato nella stessa area.

L’ufficiale, nel bel mezzo del forte temporale, è stato subito allarmato da rumori e urla sospette provenienti dalla banchina: alla vista del cinquantenne, l’ufficiale ha subito capito le intenzioni dell’uomo e prontamente si è lanciato in mare, traendo in salvo, sulla banchina, l’aspirante suicida.

Quest’ultimo, una volta tranquillizzato e ricondotto alla ragione, veniva inizialmente ricoverato nei locali del medesimo Nucleo Sub, per essere poi affidato alle cure del personale sanitario del 118 – arrivato con l’ambulanza sul porto di Granatello per prestare le cure del caso – anche con il supporto di una pattuglia dei carabinieri, nel frattempo sopraggiunta in zona.

Ancora una volta, la prontezza operativa della Guardia Costiera, unitamente alla consolidata capacità professionale degli uomini del Corpo, hanno consentito di salvare una vita umana in pericolo. Andò diversamente, invece, a metà maggio. Quando, sempre sul porto del Granatello, un 49enne di Ercolano si lanciò con l’auto in mare.

Inutili i soccorsi, l’uomo – barricato nell’abitacolo – venne ripescato senza vita dalle acque del molo.

@riproduzione riservata

CRONACA