Andrea Ripa

Restyling e abusi a San Giuseppe Vesuviano, sequestrato un piano mansardato realizzato senza permessi

Andrea Ripa,  

Restyling e abusi a San Giuseppe Vesuviano, sequestrato un piano mansardato realizzato senza permessi

Aveva approfittato delle impalcature davanti alla palazzina per interventi di riqualificazione delle facciate esterne dell’edificio per avviare una serie di lavori non autorizzati. In programma la costruzione di un piano mansardato che probabilmente sarebbe stato messo in affitto una volta coperto, oppure sarebbe rimasto nelle disponibilità dei proprietari a mo’ di tavernetta: fatto sta che per quei cantieri non era arrivato alcun via libera dal Comune, tantomeno era stata presentata la richiesta agli uffici competenti. Una serie di lavori completamente abusivi su cui hanno messo le mani gli agenti del comando di polizia municipale, anche in queste settimane impegnati nella task force contro l’abusivismo edilizio. Una battaglia per la legalità che vede impegnati in prima linea gli uomini della polizia locale agli ordini del comandante tenente colonnello  Fabrizio Palladino. I controlli da parte degli uomini in divisa del comando di piazza Elena d’Aosta sono scattati nel primo pomeriggio di giovedì ad opera del nucleo di polizia edilizia del Comune. A seguito delle verifiche effettuate dagli investigatori è emerso che il piano mansardato di circa 120 metri quadri in quella palazzina di periferia, da tempo al centro di un progetto di riqualificazione delle facciate esterne, non era mai autorizzato. I lavori non erano stati ancora conclusi, così da due giorni sui pali utilizzati per realizzare il piano mansardato campeggia il cartello di «sequestro» eseguito dalle forze dell’ordine locali con tanto di fascicolo trasmessi alla procura della Repubblica di Nola. Grazie a controlli incrociati tra comando di polizia locale e ufficio tecnico comunale si è scoperto che il proprietario della struttura – denunciato alla magistratura per costruzione abusiva in una zona soggetta a vincolo paesaggistico – aveva approfittato delle impalcature presenti per mettere a punto il suo piano. Dopo il sequestro la sopraelevazione della palazzina è stata affidata in custodia giudiziaria al proprietario della struttura. Resta alta l’attenzione in città sul tema dell’abusivismo edilizio, un vero e proprio dramma in un territorio come San Giuseppe Vesuviano dove sono migliaia le costruzioni realizzate senza permesso finite sotto la lente di ingrandimento della magistratura. Gran parte di queste sono da decenni in attesa del condono.

CRONACA