Politiche, ecco i nomi dei candidati del Pd e dei Cinque Stelle

Redazione,  

Politiche, ecco i nomi dei candidati del Pd e dei Cinque Stelle

I giochi cominciano a essere fatti e prendono forma anche le liste per le Politiche 2022. A distanza di qualche giorno dai 50mila votanti sulla piattaforma, il Movimento Cinque Stelle ufficializza i nomi per i listini nei collegi plurinominali.

Cinque Stelle. In Campania spiccano i nomi di alcuni big tra i capilista, a cominciare dall’ex premier Giuseppe Conte che guiderà la lista dei candidati alla Camera dei Deputati nel collegio 1 di Campania 1,ovvero a Napoli. Nell’altro collegio di Campania 1 è candidato capolista un altro big del Movimento, l’ex ministro Sergio Costa, seguito dalla deputata uscente Teresa Manzo e dal consigliere comunale di Portici Alessandro Caramiello. Al quarto posto invece l’altra deputata uscente, come la Manzo eletta nel 2018 nel collegio di Castellammare, Carmen Di Lauro. Nel collegio 2 di Campania 2 il capolista è un fedelissimo di Giuseppe Conte, l’imprenditore e deputato uscente Michele Gubitosa di Atripalda, in provincia di Avellino. Gubitosa è uno dei 15 nomi che Conte ha scelto personalmente. Dopo l’imprenditore la parlamentare uscente di Scafati, comune in provincia di Salerno, Virginia Villani. Per quanto riguarda il Senato, capolista in Campania 1 è il capogruppo uscente Mariolina Castellone, seguito al quarto posto da Orfeo Mazzella, attivista tra quelli della prima ora e molto presente a Torre Annunziata e nell’area vesuviana, mentre in Campania 2 troviamo un altro big, l’ex ministro Stefano Patuanelli, seguito dalla parlamentare uscente Anna Bilotti. Singolare che, primo dei candidati supplenti, sia il fratello di un consigliere regionale in Campania, Antonio Saiello. E le “parentarie” Cinque Stelle fanno storcere il naso a chi fino a poco tempo fa è stato all’interno del Movimento. M5S: avv. Borrè, con candidature in più collegi deroga è la nuova regola“Era solo il 3 agosto 2022 quando veniva emanato dal Comitato di Garanzia del Pentamondo questo regolamento (su proposta di Giuseppe Conte, attuale presidente del M5S), che prevedeva la possibilità di autocandidatura in un solo collegi (quello di residenza oppure quello del domicilio effettivo). Oggi apprendiamo che alcuni appartenenti al superlistino saranno candidati in più collegi. La deroga alla regola generale è la nuova regola.E il principio di parità dei diritti e delle opportunità, proprio della giustizia sociale, sarà un po’ più difficile da declamare in questa campagna elettorale” l’accusa dell’avvocato Lorenzo Borrè, legale degli attivisti M5S che hanno presentato i ricorsi a Napoli, commentando l’esito delle Parlamentarie e le liste pubblicate dal Movimento.

Partito Democratico. In casa Pd, ieri, è stata la giornata di presentazione dei candidati. Nel listino trovano posto sia Marco Sarracino, capolista in Campania, che Loredana Raia, consigliera regionale del Pd oltre che Raffaele Topo, parlamentare uscente. “Ci siamo, ho firmato la candidatura per il Partito democratico al Senato. La sfida che si profila il 25 settembre è quella tra due visioni contrapposte del futuro del Mezzogiorno e dell’Italia e per questo sarà una battaglia tanto dura quanto avvincente, per la quale chiedo tutto il vostro aiuto” le parole di Valeria Valente candidata per Italia Democratica e Progressista in Campania, dove correrà per il Senato sia all’uninominale che al proporzionale. Ci sarà per una battaglia solo di testimonianza anche Enzo Amendola, sottosegretario del Governo Draghi. Intanto a Salerno, infuria la guerra politica tra l’ex presidente della Provincia Alfonso Andria e De Luca, accusato di aver blindato le candidature del figlio e dei suoi uomini più vicini.

CRONACA