Refezione scolastica a Portici: via all’appalto da 1,3 milioni

metropolisweb,  

Refezione scolastica a Portici: via all’appalto da 1,3 milioni

Portici. A tre settimane dal suono della prima campanella in tutti gli istituti comprensivi del territorio, l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Vincenzo Cuomo – attraverso un provvedimento firmato da Maurizio Longo, dirigente del settore organizzazione tributi e servizi alla città – promuove la gara d’appalto per aggiudicare la gestione della refezione scolastica all’ombra della Reggia per gli anni 2022-23 e 2023-24.

Dopo le difficoltà provocate dalla pandemia legata al Covid-19, il «piatto» del servizio-chiave per gli alunni iscritti alle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado si annuncia particolarmente «ricco»: la base d’asta per le offerte da presentare all’ente di palazzo Campitelli entro il prossimo 15 settembre – in pratica, 48 ore dopo l’inizio delle lezioni – si attesta intorno agli 1,3 milioni e spiccioli.

La durata del contratto sarà di 18 mesi, con opzione di proroga tecnica di sei mesi. Articolate le condizioni e i requisiti di partecipazione previsti dal bando, in modo da offrire ai piccoli alunni e agli studenti del territorio la garanzia della massima qualità del servizio-mensa.

Particolare attenzione proprio ai requisiti del personale incaricato della refezione: come espressamente previsto dal bando, la «ditta affidataria dovrà avere personale esperto (esperienza almeno triennale nel settore) in misura non inferiore al 30% della forza lavoro e assunto con contratto di lavoro subordinato e a tempo indeterminato».

L’apertura della buste è prevista per le ore 12 del 20 settembre, in modo da provare a chiudere la procedura entro il mese di novembre.

D’altronde, già lo scorso anno – all’epoca, erano previste diverse prescrizioni finalizzate al contenimento del Covid-19 – il servizio di refezione scolastico venne avviato nella prima decade di novembre con le modalità operative indicate dall’Asl Napoli 3 Sud. Quest’anno, invece, non ci dovrebbero essere restrizioni di sorta.

@riproduzione riservata

CRONACA