Donna investita e uccisa da una moto a Napoli: video choc diffuso sul web

Redazione,  

Donna investita e uccisa da una moto a Napoli: video choc diffuso sul web
Frame del video pubblicato da Francesco Emilio Borrelli

Sono immagini raccapriccianti ma che senza dubbio inchiodano un centauro alle sue responsabilità quelle pubblicate su Instagram dal consigliere regionale della Campania Francesco Emilio Borrelli: il video, registrato dal sistema di videosorveglianza di un’attività commerciale che si affaccia sulla notissima via Caracciolo di Napoli, documenta l’incidente avvenuto la notte a cavallo tra domenica e lunedì scorsi, costato la vita alla cameriera 34enne Elvira Zriba. Le immagini ritraggono il traffico sostenuto ma scorrevole di quella notte e il conducente di una potente moto che, con il suo mezzo, investe la donna. L’impatto, violentissimo, avviene mentre la moto ha la ruota anteriore sollevata dal selciato. Non c’è scampo per Elvira che viene scaraventata a molti metri di distanza. Il responsabile del grave incidente è un giovane che abita nel Napoletano, precisamente a Frattamaggiore. Non ha la patente e la polizia municipale di Napoli, che sta indagando sotto il coordinamento della Procura, lo identifica e lo denuncia, a piede libero, per omicidio colposo aggravato. Nei prossimi giorni verranno consegnati agli inquirenti anche i risultati dei test tossicologici: se dovessero risultare positivi la sua posizione si aggraverà ulteriormente. Anche il fratello di Elvira morì in un incidente stradale.

La Polizia Municipale ha impiegato quasi un mese per individuare l’automobilista che lo aveva travolto. Alle 11 di domani, nei pressi del luogo dove Elvira ha trovato la morte, è in programma una manifestazione a cui prenderanno parte i familiari della vittima ma anche commercianti, cittadini ed esponenti di Europa Verde. Tutti chiedono che vengano attuate misure in grado di tenere sotto controllo episodi come quello costato la vita alla cameriera e a suo fratello. “Sul lungomare non è cambiato niente, – dice un collega della vittima – ci sono ancora ragazzi che corrono all’impazzata senza casco, senza rispettare nessun limite e passando con il rosso. Ho provato a segnalarlo ma nessuno vuole interessarsi di questa cosa. In questo modo – sostiene – altri moriranno per colpa di questi irresponsabili. Mi stenderò in mezzo alla strada, se nessuno interverrà”. In via Caracciolo, domani, si terrà un sopralluogo finalizzato a valutare l’installazione di attraversamenti pedonali rialzati.

CRONACA