Turris. Santacroce: “Padalino può migliorare molto Haoudi”

metropolisweb,  

Turris. Santacroce: “Padalino può migliorare molto Haoudi”

Hamza Haoudi è arrivato praticamente prima del gong finale del calciomercato. È stato un colpo a sorpresa della Turris che però già da tempo aveva nel database questo classe 2001 di Lucca. Contro la Virtus Francavilla è entrato in campo nell’ultimo quarto d’ora finale dimostrando subito di avere una qualità tecnica, e non solo, di primo livello. Padalino sembra vederlo da mezzala, ma all’occorrenza potrebbe anche avanzarlo sulla trequarti. Fabiano Santacroce, membro dell’entourage di Haoudi, era sugli spalti del Liguori ad assistere al debutto in campionato del suo assistito: “È stato dichiarato cedibile nelle ultime 48 ore di mercato. Inizialmente volevano tenerlo – spiega l’ex difensore del Napoli – ma visto che lo spazio sarebbe stato molto ridotto, abbiamo chiesto al Frosinone di andare a giocare. La società ha assecondato la nostra volontà. Da quel momento in poi sono iniziati i contatti con la Turris”.

 

Fabiano, come mai avete scelto la piazza di Torre del Greco per rilanciare questo promettentissimo talento?

 

“La Turris è una squadra che ha dimostrato di saper giocare a calcio in Lega Pro. Per Hamza scendere dalla B alla C non è semplice, anche a me è capitato quando ero a fine carriera e posso dire che è tutta un’altra cosa. Si è cercata una squadra che avesse oltre che disponibilità anche un tipo di gioco più simile alle categorie alte. Già lo scorso anno a Torre del Greco si sono viste buone cose in questo senso. Per questo abbiamo deciso di venire”.

 

Che calciatore si devono aspettare i tifosi della Turris?

 

“E’ un giocatore eclettico che ha delle giocate che fanno innamorare, bisogna aspettarsi veramente di tutto. Guardando le sue partite, molte volte cerco di mettermi nei panni dei difensori e cerco di capire cosa avrei fatto io. Da calciatore sarei andato in difficoltà contro di lui”.

 

Come è stato l’approccio di Hamza con Padalino e la nuova realtà?

 

È stato tutto ottimo. Gli ho subito detto che avrebbe avuto un bravissimo mister, Padalino mi piace molto perché cura i minimi dettagli. Lo reputo tra i migliori di questa categoria. So che già gli ha parlato dandogli subito dei consigli giusti per farlo migliorare”.

 

Che campionato può fare questa Turris?

 

“Ha bisogno di tempo per assimilare le nuove idee che porterà Padalino. La cosa che ti colpisce è che comunque non rinunciano mai a giocare a calcio. Sinceramente mi aspetto una buona posizione play off”.

CRONACA