Andrea Ripa

Niente chiusura, la scuola del Flocco a Poggiomarino è salva

Andrea Ripa,  

Niente chiusura, la scuola del Flocco a Poggiomarino è salva

C’è un pezzo di storia della città che ha rischiato fino all’ultimo di essere cancellato. Uno spauracchio che ha tenuto con il fiato sospeso i residenti della frazione Flocco di Poggiomarino che per giorni hanno chiesto che la scuola elementare non chiudesse i battenti per assenza di iscritti. Una vicenda – portata avanti anche dal quotidiano Metropolis – capace di finire al centro di diverse riunioni tenutesi in queste settimane. A cui hanno partecipato i vertici dell’istituto, i genitori dei bimbi che avevano già presentato l’iscrizione a scuola, il Comune e anche la Chiesa del quartiere. La festa che giovedì sera s’è tenuta in piazza, con don Antonio – il parroco di Flocco – pronto a difendere la tradizione del territorio, ha segnato la definitiva schiarita: il quartiere avrà anche per l’anno prossimo la sua scuola. «Il Flocco non è morto», ha spiegato ai residenti e ad alcuni fedeli accorsi in piazza giovedì sera don Antonio. La comunicazione sulla formazione di una classe prima è arrivata nei giorni scorsi, saranno quindici gli alunni che dalla prossima settimana con grembiule e zaino sulle spalle partiranno per il lungo viaggio scolastico che li vedrà impegnati da qui ai prossimi anni, bimbi che contribuiranno a mandare avanti la storia e la tradizione di un plesso che ha visto crescere e formarsi intere generazioni di bambini del Flocco. Un sospiro di sollievo lo hanno tirato anche in municipio. La formazione della classe di studenti  della prima elementare mette l’amministrazione al riparo da tutte le polemiche scoppiate negli ultimi giorni. «La notizia comunicata ieri sera durante la festa di quartiere organizzata per augurare buon anno scolastico ai piccoli alunni di zona Flocco ha fatto tirare un respiro di sollievo ai cittadini flocchesi e ai poggiomarinesi tutti» – fa sapere il primo cittadino Maurizio Falanga continuando – «questa vittoria racconta la tenacia dei papà e delle mamme, dei Parroci, del personale scolastico e delle sue dirigenti e della mia Amministrazione. Abbiamo tutti insieme lavorato per scongiurare la mancata implementazione della prima elementare, riuscendoci», esclama fiero il sindaco. Entusiasta anche l’assessora al ramo Maria Carillo: «Con il cuore colmo di gioia e riconoscenza ringrazio le famiglie dei bimbi, padre Antonio, la dirigente scolastica, i docenti che ci hanno sostenuto in questa battaglia: sarebbe stata una ferita troppo grande non vedere formarsi la prima elementare nella scuola ubicata in una zona storica e importante del nostro paese», afferma la delegata alla scuola della giunta Falanga. Nei giorni scorsi nella battaglia per la tutela del Flocco hanno preso parte tutte le forze politiche, anche d’opposizione. «La scuola è salva. Grazie all’impegno di tutte le mamme che hanno lottato contro tutto e tutti», le parole del leader dem Michele Cangianiello. Ora la speranza è che per quell’istituto si metta in campo un vero piano di rilancio per evitare che in futuro la scuola vada incontro a nuovi rischi.

CRONACA