Vico Equense, spiragli per la riapertura del pronto soccorso

Mauro de Riso,  

Vico Equense, spiragli per la riapertura del pronto soccorso

Uno spiraglio di luce in fondo al tunnel. Filtra ottimismo per la riapertura del pronto soccorso dell’ospedale “De Luca e Rossano”. A seguito dell’approvazione di un documento condiviso tra maggioranza e opposizione in consiglio comunale per dare impulso alla riattivazione del reparto di frontiera vicano, il direttore generale dell’Asl Na3 Sud, Giuseppe Russo, nella giornata di venerdì ha incontrato Peppe Aiello, sindaco di Vico Equense. Un confronto pacato per fare il punto sulle esigenze espresse dalla comunità vicana e sulle effettive criticità che attanagliano l’azienda sanitaria, a corto di personale medico in settori strategici. «È stato un incontro conoscitivo, durante il quale abbiamo interloquito sulle problematiche attuali», ha affermato il direttore Russo lasciando intendere una volontà reciproca di trovare una soluzione per ripristinare il pronto soccorso dell’ospedale vicano, chiuso dal 21 ottobre 2020 a seguito del trasferimento del personale sanitario nei Covid Center in piena pandemia. «È stato un incontro costruttivo. Il nuovo dirigente mi è sembrato una persona concreta», ci ha tenuto ad evidenziare il primo cittadino Aiello, che ha confermato «la grande difficoltà espressa dalla direzione strategica Asl nel reperire forze mediche nei reparti di anestesia e di urgenza» e ha fatto sapere che «il direttore mi ha dato appuntamento a breve dopo aver fatto alcuni approfondimenti». Il prossimo step sarà l’incontro tra Russo e tutti i sindaci della penisola sorrentina, in programma il 14 settembre, alla vigilia del secondo consiglio comunale convocato sul tema dell’ospedale di Vico. «Poi seguiranno altri confronti con me», ha sottolineato Aiello che non intende mollare e punta ad incontrare a breve «anche il governatore De Luca», fissando gli obiettivi nell’immediato «che restano la revoca dell’ordinanza di chiusura di ottobre 2020 e la riapertura del pronto soccorso». Un’idea condivisa anche dai comitati civici, che avevano dato vita ad un flash mob davanti al Comune e che si sono espressi favorevolmente in merito alla presa di posizione assunta dal sindaco e dall’intera assise, invocando ora una maggiore attenzione da parte dell’Asl e del governatore regionale riguardo alle prospettive dell’ospedale “De Luca e Rossano”. Ma sarà il prossimo consiglio comunale, fissato per giovedì 15 settembre, a definire un altro step del percorso mirato a restituire il pronto soccorso alla città, scongiurando l’ipotesi di una chiusura definitiva a fronte dell’imminente avvio dei lavori per il mega presidio sanitario a Sant’Agnello. La revoca della delibera 53/2012, infatti, va nella direzione di spazzare via l’opzione dell’ospedale unico, proiettandosi verso la realizzazione di un polo ospedaliero della penisola sorrentina che possa convivere con le strutture di Vico e Sorrento. «Noi non ci fermeremo davanti a nulla. – ha concluso Aiello – E nel frattempo il nostro consiglio comunale lavorerà in sinergia per produrre atti a sostegno».

CRONACA