Pimonte. Avviati i lavori di Gori per l’estensione della rete fognaria, altri passi avanti per il disinquinamento del Sarno

Redazione,  

Pimonte. Avviati i lavori di Gori per l’estensione della rete fognaria, altri passi avanti per il disinquinamento del Sarno

Nuovi interventi per il potenziamento del servizio fognario e depurativo e il disinquinamento del fiume Sarno. Sono stati avviati, infatti, i lavori per l’estensione della rete fognaria nel comune di Pimonte.

Un’opera di cui Gori è soggetto attuatore, che consentirà di portare a depurazione i reflui di circa 180abitanti all’impianto di depurazione di Foce Sarno, contribuendo al superamento di alcune criticitàigienico-sanitarie e al risanamento del nostro fiume. Anche questi lavori, infatti, fanno parte del progetto“Energie per il Sarno”, nato dalla sinergia tra Gori, Regione Campania ed Ente Idrico Campano e articolatoin 42 interventi.

Un impegno che prosegue senza sosta, anche con il coinvolgimento delle amministrazionicomunali, al fine di mettere in campo strategie condivise. Proprio in tale ottica, questa mattina, si è svoltoil sopralluogo sull’area di cantiere allestita in via Gesinelle, a cui hanno partecipato l’AmministratoreDelegato di Gori, Vittorio Cuciniello, il Presidente dell’Ente Idrico Campano, Luca Mascolo, e il Sindaco di Pimonte, Francesco Somma.

Tra gli obiettivi del progetto Energie per il Sarno: la chiusura di 113 scarichi in ambiente, l’estensione del servizio di fognatura a 88.000 abitanti e del servizio di depurazione a 421.000abitanti. Oltre l’impegno tecnico-operativo, Energie per il Sarno è anche un’iniziativa aperta a tutti coloro che desiderano contribuire al raggiungimento di questo significativo risultato ambientale. Amministrazioni comunali, associazioni e cittadini, per la prima volta, possono monitorare lo stato di avanzamento degli interventi attraverso il portale energieperilsarno.it: uno strumento ispirato ai valori di chiarezza, trasparenza e condivisione, attraverso cui è possibile anche visionare le mappe interattive degli scarichi in ambiente e partecipare al cambiamento con proposte e segnalazioni.

CRONACA