Pompei, abusi edilizi in un bene vincolato, sigilli a piscina e opere realizzate senza autorizzazioni

Redazione,  

Pompei, abusi edilizi in un bene vincolato, sigilli a piscina e opere realizzate senza autorizzazioni

POMPEI – Opere abusive in un sito sottoposto a vincolo paesaggistico e ambientale: scattano i sigilli. È accaduto a Pompei dove gli agenti del locale commissariato di polizia, unitamente a quelli del comando di polizia municipale, hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo emesso dal gip di Torre Annunziata, su conforme della Procura oplontina, mettendo “sotto chiave” una piscina e altre opere abusive relative alla struttura denominata “Wolf Garden”. In particolare, le indagini avrebbero permesso di accertare come alcune delle opere presenti nell’area oggetto del sequestro fossero state realizzate in assenza del permesso di costruire, delle autorizzazioni sismiche e delle autorizzazioni paesaggistiche della Soprintendenza ai beni architettonici e ambientali.

”In tale struttura – si legge in una nota della Procura di Torre Annunziata – si era riscontrato, in precedenza, lo svolgimento di una festa con la presenza di numerosi studenti, evento svoltosi senza la preventiva, necessaria, autorizzazione in un’area che, tra l’altro, risultava priva della prescritta agibilità, richiesta per lo svolgimento di manifestazioni private ed eventi musicali e presso la quale, l’8 ottobre 2021, si era già verificato l’episodio di un tentato omicidio posto in essere da un minorenne durante la cosiddetta ‘festa delle matricole 2021′”, una festa anch’essa senza autorizzazioni. Secondo quanto spiegano gli inquirenti, il provvedimento di sequestro “si è reso necessario al fine di impedire l’aggravamento delle conseguenze dei reati posti in essere in spregio della morfologia del territorio, dei vincoli ambientali posti a tutela dell’ambiente, nonché della disciplina urbanistica funzionale all’ordinato ed armonioso sviluppo del territorio”

CRONACA