Maltempo, il pericolo dei sottopassi: decine di automobilisti bloccati in provincia di Napoli

Tiziano Valle,  

Maltempo, il pericolo dei sottopassi: decine di automobilisti bloccati in provincia di Napoli

Nel giorno del voto è la natura a ricordare il perché della disaffezione dei cittadini alla politica. La pioggia fa straripare il fiume Sarno, provoca allagamenti a causa delle caditoie mai o mal pulite, rende impraticabili i sottopassi, genera smottamenti, costringe le persone in tutta l’area vesuviana a barricarsi in casa perché le strade diventano come il letto di un fiume in piena pronto a trascinare tutto giù. E infine, le ormai immancabili ordinanze di chiusura delle scuole, degli spazi pubblici, perché l’atavica incapacità di garantire l’incolumità pubblica fa tremare i polsi a chi certo non vuole assumersi la responsabilità per possibili incidenti, che potrebbero avere conseguenze devastanti. Nulla di nuovo. Accade da decenni e accadrà ancora, sperando sempre che non ci scappi il morto.

Gli incidenti E anche ieri c’è mancato poco. Sono le 11 quando i vigili del fuoco di Castellammare di Stabia rispondono al telefono e in pochi secondi liquidano la questione: «La situazione è grave». A metà mattinata hanno già dovuto registrare centinaia di richieste di soccorso tra Torre Annunziata, Boscoreale e Castellammare di Stabia. Qui, è stata allagata per una mezz’ora via Cosenza, dove è rimasto interdetto il transito per un allagamento della strada che porta al ponte di Varano che unisce Gragnano, Santa Maria la Carità a Castellammare di Stabia. Traffico bloccato finché il fiume di acqua è defluito. Solo il tempestivo intervento dei volontari dei Ross (Reparto Operativo Soccorso Stabia), guidati da Giuseppe Coda, è riuscito a evitare una tragedia in via Ripuaria. Una coppia di anziani è rimasta intrappolata all’interno dell’abitacolo dell’auto a causa dell’esondazione del fiume Sarno. Acqua fin sul parabrezza, sportelli bloccati, i volontari si sono dovuti lanciare in acqua per metterli al sicuro.  Auto intrappolata con quattro persone a bordo e intervento provvidenziale dei vigili urbani, invece, a Torre del Greco. È accaduto nella zona a ridosso di via Litoranea, dove la pioggia caduta abbondante ha allagato i sottopassi dell’arteria parallela al lungomare realizzata quando sono stati chiusi i passaggi a livello delle Ferrovie dello Stato. Gli agenti di polizia municipale hanno permesso agli occupanti del veicolo di uscire dalla parte posteriore della vettura, rimasta per fortuna libera. La circolazione nella zona è rimasta paralizzata per diverso tempo, con i semafori rossi che indicavano il divieto di transito: «Siamo rimasti isolati – protesta un automobilista – personalmente non sono riuscito a raggiungere la zona bassa di via Mortelle. E dire che questa arteria è nata proprio per collegare le due zone in precedenza unite dai passaggi a livello». Disagi per le forti piogge hanno interessato quasi tutti i comuni del vesuviano. Il sindaco di San Giorgio a Cremano, Giorgio Zinno, fin dal primo mattino è stato costretto a disporre la chiusura di alcuni tratti di strade, a partire dal sottopasso di via Cupa Mare allagato dopo che è strabordato l’alveo per l’eccessiva portata d’acqua. Il maltempo ha provocato il crollo di un muro tra due parchi in via Tamborrino, per fortuna senza feriti.

 

I disagi Allagamenti si sono verificati anche tra Poggiomarino e Striano, dove molte famiglie sono state costretti a barricarsi all’interno delle loro case. Una situazione che ha accomunato interi quartieri anche tra Terzigno e San Giuseppe Vesuviano. Alla periferia di Scafati diverse le strade che sono diventate impraticabili a causa degli allagamenti. Grave la situazione anche nell’area nolana dove si sono verificati pure smottamenti, che hanno richiesto l’intervento della Protezione Civile. Strade allagate anche nel quartiere Fontanelle, al confine tra Castellammare di Stabia e Pompei, dove alcune automobilisti sono rimasti in panne con le loro vetture. Il maltempo che ha interessando Napoli e la sua provincia ha arrecato disagi anche al trasporto pubblico. È il caso delle linee vesuviane gestite dall’Ente Autonomo Volturno, dove fin dalla mattina si sono registrati ritardi. Non solo, come comunicato dalla stessa azienda, causa avverse condizioni atmosferiche, le fermate di Volla e Vittorio Veneto, sulla linea Nola-Baiano, sono state interdette alla discesa e alla salita dei passeggeri. Le scuole L’allerta meteo durerà fino alla mezzanotte di stasera e così è stata disposta la chiusura delle scuole in quasi tutta la provincia di Napoli, da San Giorgio a Cremano a Gragnano, da Castellammare fino a Torre del Greco, Torre Annunziata e l’intera area vesuviana. Chiusi anche i cimiteri e le strutture pubbliche all’aperto. ©riproduzione riservata

CRONACA