Alberto Dortucci

Rifiuti e tombe ko, scempio al cimitero di Ercolano: «Subito una commissione d’inchiesta»

Alberto Dortucci,  

Rifiuti e tombe ko, scempio al cimitero di Ercolano: «Subito una commissione d’inchiesta»

Ercolano. Una commissione speciale d’inchiesta per fare piena luce sull’ultimo scempio all’interno del cimitero cittadino. La proposta – destinata a essere messa nero su bianco all’inizio della prossima settimana – porta la firma dell’esponente d’opposizione Piero Sabbarese, ma arriva all’indomani del dossier-shock presentato dal consigliere comunale Ciro Santoro – eletto con la maggioranza guidata dal sindaco Ciro Buonajuto – ai competenti uffici comunali. Un esposto in cui vengono segnalate e riportate una lunga serie di criticità, non solo igienico-sanitarie, riscontrate tra i viali dell’eterno riposo di via Benedetto Cozzolino: a partire dall’indiscriminata presenza di rifiuti di ogni tipo fino alle precarie condizioni di sicurezza di diversi compresi nicchiari.

Accuse pesanti come macigni – accompagnate da «eloquenti» scatti fotografici – capaci di scatenare l’ennesima bufera politica sull’ente di corso Resina. Perché, appunto, l’esposto di Ciro Santoro è stato immediatamente «ripreso» da Piero Sabbarese: «Mi fa orrore pensare che i nostri concittadini debbano riposare in un luogo del genere – l’affondo dell’esponente di Azione all’amministrazione comunale targata Ciro Buonajuto, alleato elettorale alle ultime politiche -. La squadra di governo cittadino dovrebbe vigilare e fare funzionare le cose: in una città dove la politica è silente l’iniziativa di Ciro Santoro è certamente lodevole. La prossima settimana presenteremo la richiesta di costituire una commissione di indagine speciale per accertare le responsabilità dello scempio al cimitero».

D’altronde, non è la prima volta che il camposanto di Ercolano finisce al centro di polemiche e proteste per le condizioni di degrado e scarsa pulizia. Già in occasione del primo mandato, infatti, Ciro Buonajuto dovette affrontare diverse criticità relative al cimitero. Evidentemente senza portare a casa i risultati attesi dalla comunità.

©riproduzione riservata

CRONACA