Michele Imparato

Cinaglia, dall’addio a leader difensivo della Juve Stabia

Michele Imparato,  

Cinaglia, dall’addio a leader difensivo della Juve Stabia

Non solo Mignanelli. Tra i volti trainanti di questa nuova Juve Stabia c’è anche Cinaglia. Il difensore, infatti, è sicuramente una delle note positive delle Vespe in questo inizio di stagione. E pensare che a luglio l’ex Novara è stato messo in lista di sbarco. Insomma, dopo appena un anno Cinaglia era stato già messo tra i partenti dopo l’arrivo di Colucci e il nuovo progetto tattico dell’ex allenatore del Picerno. La sua estate è stata particolare perchè Cinaglia inizialmente si è allenato ma sapendo che prima o poi avrebbe potuto fare i bagagli e traslocare verso nuovi lidi. Niente di tutto ciò. Il difensore romano si è allenato con una professionalità impeccabile e giorno dopo giorno è riuscito a cambiare il suo destino convincendo Colucci a tenerlo in rosa. Un episodio che l’allenatore ha più volte ribadito durante le interviste. Ebbene, Davide Cinaglia è stato tenace sfruttando tutte le sue cartucce e alla fine ha spinto il ds Di Bari a cedere Matino, appena acquistato, e non lui. Non è tutto. Lo stesso Cinaglia ha anche rinnovato il contratto per un’altra stagione con la Juve Stabia. Nelle gerarchie pre-campionato Davide Cinaglia magari non partiva tra i titolari ma gli sono bastate un paio di amichevoli per guadagnare posizioni tanto è che sta giocando lui e non Tonucci. Segno, tangibile, che in questo momento Colucci si fida più di Cinaglia e lo vede interagire meglio con Caldore. E non è un mistero che la Juve Stabia è una squadra compatta e che concede poco in fase difensiva all’avversario. Basti pensare che le Vespe di Colucci hanno subìto solo quattro gol dopo le prime sette partite e sono la terza miglior difesa del girone dietro Catanzaro (2 gol presi) e Crotone 3. Merito del lavoro fatto dall’allenatore di Cerignola che dal ritiro di Pescocostanzo sta insistendo sui concetti tattici ma soprattutto sulla testa dei suoi calciatori pretendendo sempre una squadra col coltello tra i denti. Cinaglia quest’anno vuole anche dimenticare in fretta la scorsa stagione che non è stata molto positiva. Prima il covid a inizio campionato e poi una serie di problemi fisici hanno spesso visto Cinaglia stare fuori e indisponibile. Probabilmente anche gli infortuni hanno inciso sulla decisione iniziale della società di volerlo cedere. Dopo la vittoria sul Picerno di sabato scorso il calendario mette la Juve Stabia dinanzi al Taranto dell’ex Eziolino Capuano. La prima di due sfide in tre giorni tutta pugliese perchè martedì sera al Romeo Menti arriverà il Foggia nel turno infrasettimanale. Le Vespe adesso sono chiamate a confermarsi dopo la vittoria sul Picerno anche se forse è presto per parlare di obiettivi perchè Colucci pensa solo a domenica per domenica.

CRONACA