Stabia. Caldore, il difensore “modello” col vizio del gol

metropolisweb,  

Stabia. Caldore, il difensore “modello” col vizio del gol

Marco Caldore è uno degli ex di Taranto-Juve Stabia. Difensore arrivato a Castellammare nel gennaio del 2021 proprio dalla squadra jonica, che si apprestava poi a vincere il campionato di serie D. Calciatore con il look e somiglianza all’attore turco Can Yaman che oltre al calcio è anche un indossatore per alcuni brand sui social. Caldore, napoletano verace, del centro, ha iniziato nel settore giovanile col Genoa poi qualche stagione in serie C con l’Aversa, il Sorrento, Gubbio e Paganese e anche un’esperienza nel campionato di Eccellenza del Piemonte. La sua Napoli l’ha lasciata prestissimo per trasferirsi in Liguria e iniziare a coltivare la sua passione per il calcio. Mancino puro che può giocare sia centrale in una difesa a quattro, come negli ultimi anni alla Juve Stabia oppure da terzino sinistro. Marco Calore è uno che conosce bene l’atmosfera che si respira a Taranto e allo stadio Jacovone. Il difensore napoletano ha giocato in Puglia due anni fa facendo parte della squadra allenata da Laterza e costruita dal ds Montervino che poi ha vinto il campionato di serie D. La Juve Stabia aveva deciso di prendere Caldore a gennaio quando con l’arrivo del ds Peppino Pavone si era fatta una sorta di rivoluzione dopo il mercato estivo e le cessioni dei difensori Allievi e Codromaz. Doveva essere un semplice gregario. Invece Caldore alla fine nella sua prima stagione ha giocato diverse partite ritagliandosi anche una domenica da copertina. Quale? Nel derby di Pagani quando ha segnato una doppietta di testa. Quella era la Juve Stabia di Padalino ormai inarrestabile nel girone di ritorno trascinata e trasformata dopo l’arrivo anche di Marotta. Uno dei pochi leader che si sono visti a Castellammare ultimamente e che frettolosamente è andato via. Dopo i sei mesi alle Vespe, Marco Caldore anche l’anno scorso ha giocato con continuità sia con Novellino che Sottili. E anche l’anno scorso Caldore si è fatto apprezzare segnando le sue buone due reti. L’ha fatto nel finale sempre alla Paganese, ormai vittima preferita, e poi all’ultima di campionato con la Virtus Francavilla. In estate c’è stato un forte corteggiamento proprio del Taranto di Nello Di Costanzo (poi esonerato) ma Caldore è stato ben presto blindato dalla Juve Stabia che poi gli ha fatto prolungare anche il contratto fino al 2024. Quest’anno ha fatto già centro in campionato nella partita col Monopoli, segnando il gol del momentaneo 1-0. Dopo le prime due partite in cui non è partito dall’inizio ora sembra essere, come al solito, un punto fermo della difesa dove fa coppia con Cinaglia. Indossatore Calciatore di Lega Pro ma nel tempo libero che gli resta Caldore è anche un indossatore. Sulla sua pagina instagram, infatti, ci sono tante foto che lo vedono indossare i più svariati capi di diversi brand. Del resto il fisico e il suo look coi capelli lunghissimi e la barba stile hippie ne esaltano i tratti da fotomodello. @riproduzione riservata

CRONACA