Castellammare. Rischio frane in via Acton, ignorato l’ordine di chiudere la strada

Tiziano Valle,  

Castellammare. Rischio frane in via Acton, ignorato l’ordine di chiudere la strada

Via Acton dovrebbe essere chiusa al traffico dal 18 ottobre per rischio frane, ma, dopo diversi giorni dall’emissione del provvedimento della Città metropolitana di Napoli, la strada di Pozzano è ancora aperta costituendo un potenziale pericolo per i cittadini. «Tenuto conto della situazione di pericolo causata dalla caduta di materiale roccioso e porzioni di parapetto sulla S.P. numero 6 Castellammare Pozzano, denominata Via Acton, dispone la chiusura a tempo indeterminato della strada al traffico veicolare e pedonale ad eccezione di residenti e mezzi di soccorso». È quello che si legge nel provvedimento della città metropolitana di Napoli che di fatto «dopo aver preso atto della relazione tecnica della Direzione Tecnica Strade», ha decretato, a partire dal 18 ottobre, la chiusura di Via Acton a tempo indeterminato con riapertura al transito solo dopo «aver ricevuto dall’Agenzia del Demanio Pubblico l’attestazione dell’avvenuta messa in sicurezza e dell’eliminato pericolo della parete rocciosa». In sostanza via Acton, la porta d’ingresso della città per chi arriva dalla penisola sorrentina, dovrebbe essere chiusa per approfondite verifiche e per eventuali lavori per la messa in sicurezza. D’altronde si tratta di una strada soggetta frequentemente a smottamento e frane. Un provvedimento emesso il 17 ottobre non ancora stato recepito dalla Polizia Metropolitana che materialmente avrebbe dovuto apporre le transenne e chiuderla delegando agli agenti della municipale di Castellammare l’obbligo di sorvegliare il transito di non residenti sanzionandoli con multe. Eppure fino a ieri mattina, quattro giorni dopo l’emissione del provvidemento, via Acton è ancora aperta al traffico costituendo un pericolo potenziale per chi ogni giorno transita lungo la strada di Pozzano. Negli ultimi mesi sono state numerose le segnalazioni dei residenti ai vigili urbani per frane e gli interventi dei vigili del fuoco per la rimozione di massi caduti dalla parete rocciosa che affaccia sulla strada. L’ultimo poche settimane fa, dopo le prime piogge autunnali, che hanno causato la caduta di massi direttamente sul manto stradale. @riproduzione riservata

CRONACA