L’Argentinos Juniors cerca club satellite in Campania

metropolisweb,  

L’Argentinos Juniors cerca club satellite in Campania

La notizia è di quelle che fanno brillare gli occhi. La Asociación Atlética Argentinos Juniors, squadra che milita nella Prima Divisione Argentina, riconosciuta come il Club “Semillero del Mundo” dove sono stati formati giocatori di fama mondiale, primo tra tutti “Diego Armando Maradona”, ha avviato una trattativa in Italia per essere presente mediante un progetto di ampio respiro internazionale. La squadra che vide muovere i primi passi al Pibe de Oro vorrebbe sbarcare in Italia per un progetto di collaborazione. A dare la notizia è Cesar Normando Cruz, gaucho argentino residente da molti anni in Italia, che mostra grande entusiasmo per il progetto perché “permette ai ragazzi e piccoli giovani calciatori di conoscer il club dove si ha formato il “Pibe de Oro”. Cruz è arrivato a Napoli per mano di Jose Alberti, “al quale mostra immensa gratitudine come a tutti i Partenopei che lo hanno adottato in Italia. Cruz, amico di Diego, vanta un curriculum sportivo importante: ex giocatore di calcio, 2 classificato al Campionato del Mondo di Tecnica Individuale (Torneo FIFA Coca Cola del 1978), ex recordman Mondiale con 16 ore di palleggio consecutivo (RAI Studios di Napoli nel 1988), Allenatore ATFA Argentina, Allenatore UEFA B, Maestro di Tecnica del Calcio e oggi dirigente sportivo. Un nome non a caso quello di Josè Alberti, ancora oggi considerato come l’uomo che portò realmente Diego Armando Maradona dal Barcellona al Napoli. In verità, Diego in Argentina era stato già notato da alcuni club italiani tra i quali la Juventus. Però era ritenuto piccolino, gracile e poco adatto al calcio europeo. Motivo per il quale l’investimento venne scartato. Arrivò invece al Barcellona dove nei primi anni mise in mostra estro e fantasia. La trattativa tra Barcellona e Napoli durò quaranta giorni, iniziando ufficialmente il 26 maggio 1984. Nonostante la diffidenza da parte del club spagnolo, Maradona aveva preso alcune informazioni sulla piazza napoletana e la sua volontà era quella di trasferirsi a Napoli. Un altro punto a favore per il Napoli si basava sul fatto che il campionato italiano era uno dei palcoscenici più importanti nel mondo da un punto di vista calcistico: infatti in serie A militavano i migliori stranieri del panorama calcistico. Nonostante ciò, le difficoltà sussistevano, in quanto il Napoli da un punto di vista economico, non poteva permettersi di sborsare una cifra del genere.  Ed invece avvenne il contrario. L’operazione Maradona divenne possibile grazie ad una strategia ben mirata. Innanzitutto, per lo sblocco della trattativa fu importante l’accordo con il primo cittadino di Napoli dell’epoca, il Sindaco Scotti, che mise in contatto Ferlaino con Ventriglia, presidente del Banco di Napoli. Quest’ultimo riuscì a sanare il deficit economico e a garantire presso il Banco di Bilbao le fidejussioni richieste dalla società catalana. Tornando all’Argentinos Juniors, riferisce ancora Cruz, che alcuni giorni fa c’è stato l’incontro online con Javier Cesar Pederzoli Vicepresidente del Club Argentinos Juniors e Martin Tula responsabile International del Proyecto “Semillero del Mundo” – Fabrizio Santilli. Un incontro positivo che ha convinto tutte le parti in causa a realizzare, in Campania, un progetto internazionale a lungo termine per permettere agli appassionati di calcio, di conoscere la storia dell’Argentinos Junior, la sua identità, la sua metodologia ed il suo orientamento formativo e sportivo in tutta la sua pienezza. La storia ci insegna che in questo club è cresciuto Diego Armando Maradona, il miglior calciatore di tutti i tempi, idolo dei partenopei, insieme ad altri eccellenti professionisti e campioni del mondo che hanno diffuso il proprio talento sui campi di tutto il globo: Juan Román Riquelme, Lucas Biglia, Sergio Batista, Claudio Borghi, Fernando Cáceres, Diego Cagna, Cuchu Cambiasso, Fabricio Coloccini, Nico Pareja, José Pekerman, Diego Placente, Fernando Redondo, Juan Pablo Sorín, Andrea D’alessandro, Nicolas Gonzalez.

Vincenzo Lamberti-Carmen Cretoso

CRONACA