Castellammare. Prova a vendere orologi agli agenti in borghese, multa da 5mila € all’ambulante abusivo

Tiziano Valle,  

Castellammare. Prova a vendere orologi agli agenti in borghese, multa da 5mila € all’ambulante abusivo

L’attività degli agenti di polizia municipale di Castellammare potrebbe ispirare un nuovo programma televisivo, magari dal titolo “controlli da incubo”. Eh sì, perché in città ne accadono davvero di tutti i colori e può anche capitare che agenti in borghese vengono avvicinati da un uomo, vestito in modo elegante, che prova vendergli orologi e occhiali, anche di marca. Gli agenti della polizia municipale, guidati dal comandante Antonio Vecchione e dal tenente Donato Palmieri, insospettiti dall’uomo gli hanno chiesto i documenti e dalla banca dati è venuto fuori che si trattava di B.C., un sessantaduenne di Melito con precedenti per truffa. Dopo aver constatato che l’uomo non aveva alcuna licenza per la vendita itinerante hanno provveduto a sequestrare le merce e a elevargli una multa da 5mila euro. Un po’ peggio è andata a un sessantottenne di Sant’Antonio Abate. L’uomo stava percorrendo il viale Europa a bordo di una Citroen Saxo quando è stato fermato dagli agenti di polizia municipale insospettiti dalla targa stampata in modo strano. Manco a dirlo è bastato un veloce controllo per scoprire che quella targa era stata falsificata. Ma non è tutto. Dagli approfondimenti degli agenti della polizia municipale è spuntato fuori che la vettura era sprovvista dell’obbligatoria copertura assicurativa e soprattutto che l’uomo guidava senza patente. Infatti, gli era stata revocata otto anni fa. A quel punto per il sessantottenne di Sant’Antonio Abate è scattata una multa di 7mila euro e gli agenti hanno proceduto, come da prassi, anche al sequestro della vettura e delle targhe falsificate.

CRONACA