Michele Imparato

La linea verde forza trainante della Juve Stabia

Michele Imparato,  

La linea verde forza trainante della Juve Stabia
foto Giuseppe Coppolecchia

La forza giovane motrice della Juve Stabia nel derby col Giugliano. Forse per la prima volta in questa stagione Colucci non ha mai schierato la bellezza di cinque under. Tutti insieme. Questa volta l’allenatore della Juve Stabia ha voluto premiare i giovani sacrificando qualche senatore che, probabilmente, nell’ultimo periodo non è proprio brillante. A parte il portiere Barosi e Maggioni, ormai titolari fissi, domenica ad Avellino hanno trovato spazio dal primo minuto i centrocampisti Lorenzo Carbone classe 2002 e Sergio Maselli e l’attaccante Gaetano D’Agostino. Insomma, una scelta coraggiosa quella di Leonardo Colucci in un periodo non certo facile per la squadra visto che si veniva da tre sconfitte su quattro partite. I cinque under si sono comportati tutti bene guadagnano abbondantemente la sufficienza in una sfida non facile contro la rivelazione Giugliano. Squadra promossa dalla serie D che fino a poche ore dal fischio di inizio precedeva la Juve Stabia in classifica. Non è un mistero che Leonardo Colucci ha sempre avuto un occhio di riguardo per i più giovani. Sin dal ritiro precampionato quando in alcune interviste ha dichiarato che sarà sempre dalla parte dei più giovani perchè si rivede in loro avendo iniziato anche lui dal basso. Del resto Colucci è stato colui che durante una delle prime amichevoli giocate dalla Juve Stabia in ritiro ha dato la fascia di capitano a Mariano Guarracino, uno dei prodotti del settore giovanile delle Vespe e da tre anni nel giro della prima squadra. Tornando alla partita col Giugliano, non va dimenticato che durante la ripresa sono entrati in campo anche Peluso e Vimercati subentrati al posto di D’Agostino e Maggioni. Quindi alla fine Colucci ha dato spazio a sette giocatori under contro il Giugliano. Ne sarà felice la società che dall’anno scorso sta portando avanti questa strategia del minutaggio puntando sui giovani.

CRONACA