Giovanna Salvati

Torre Annunziata. La lettera di Luca a Babbo Natale «Pensa ai bimbi poveri della mia città»

Giovanna Salvati,  

Torre Annunziata. La lettera di Luca a Babbo Natale «Pensa ai bimbi poveri della mia città»

Una letterina scritta a Babbo Natale e la magia del Natale ha inizio a Torre Annunziata. Poche righe, quanto bastano per commuovere la città e per dare la caccia al piccolo Luca. Si chiama così il bambino che da qualche giorno è finito sui social e che sta conquistando il popolo torrese. Un bimbo che ha deciso di mettere nero su bianco, su un piccolo foglietto a quadri i suoi desideri come vuole la tradizione. Un gioco da chiedere a Babbo Natale da trovare sotto l’albero e sorridere ma non solo. Anche l’occasione per chiedere un miracolo a chi è più sfortunato. Il biglietto ha fatto il giro dei social ed è stato ritrovato da una donna all’interno di un negozio. La letterina recita così: «Caro Babbo Natale, io per Natale vorrei un regalo e per favore anche il gioco della Ps4 che si chiama Fifa23». Poi dopo qualche secondi prende fiato e continua «Però caro Babbo Natale pensa prima ai poveri della mia città, io sono di Torre Annunziata». Chiude la letterina lasciando anche il suo indirizzo e in particolare il civico per evitare che Babbo Natale possa sbagliare. La letterina viene fotografata e in pochi secondi ottiene migliaia di condivisioni. Decine i cittadini che commentano in modo positivo il piccolo, in tanti sottolineano la generosità del piccolo Luca che diventa un segno di speranza in un momento storico per la città di Torre Annunziata. Un segno per continuare a sperare, per trovare il sorriso ma soprattutto per riprovare a ritrovare il bello di una città che negli ultimi anni è stata mortificata, ed offesa, oltre che trascurata. La speranza ora è che Babbo Natale trovi subito la casa del piccolo Luca e gli doni non solo il sorriso ma anche che ascolti la sua preghiera e aiuti quei bimbi poveri che hanno persino smesso di credere a Babbo Natale.

CRONACA