Gragnano. Fiera, spazio alle attività locali

metropolisweb,  

Gragnano. Fiera, spazio alle attività locali

Nuova organizzazione anche per la Fiera del 21 novembre, l’appuntamento annuale per i festeggiamenti in onore della Madonna delle Grazie. Sono 200 gli stalli disponibili che saranno disposti, per la prima volta, anche in via Nastro fino a piazza Aubry, visto anche l’impossibilità di posti in via Santa Croce attualmente interessata dai cantieri per l’ampliamento della strada e la realizzazione dei marciapiedi luminosi. Nella delibera di giunta sono tre i punti salienti che ne contengono i primi cambiamenti dell’attesa Fiera cittadina: posto prima ai mercatali gragnanesi; ai negozianti e a tutte le associazioni cittadine; spazio anche per artigiani; valorizzazione dei prodotti a chilometro zero, con postazioni targate Confagricoltura e Slow food nel piazzale Aldo Moro; laboratori didattici per bambini e ragazzi curati da Casa Scarica con l’aiuto dell’associazione Pizza e Panuozzo di Gragnano e ultimo punto è la cancellazione dell’esposizione dei capi di bestiame che, solitamente, si svolgeva all’interno del parcheggio dell’ex Ferrovie. Divisi per comparti, dunque, gli stalli accoglieranno dai prodotti locali a quelli tipici natalizi, alla possibilità per tutti i commercianti di garantirsi un posto di esposizione maggiore davanti l’ingresso della propria attività. «La Fiera del 21 novembre è un appuntamento estremamente atteso dalla nostra comunità, storicamente era l’occasione per i primi acquisti per le feste natalizie – commenta Luca De Riso, assessore al ramo – Ovviamente anche per la Fiera abbiamo previsto delle modifiche, in primis per aiutare maggiormente l’economia locale e dando priorità ai venditori ambulanti gragnanesi che, proprio per la pandemia, hanno subito importanti danni. Come per tutte le manifestazioni questa amministrazione ha coinvolto tutti, convocando al Comune le parti interessate per un confronto. Per questo per la prima volta anche le associazioni già formate e quelle in via di formazione, come l’unione dei commercianti, avranno la possibilità di inserirsi all’interno del percorso stabilito per la Fiera cittadina. Alla base di tutti gli eventi che si sono svolti e si svolgeranno a Gragnano resta l’idea di valorizzare l’enogastronomia, senza cancellare le tradizioni e puntando a una vocazione turistica della città».Un “assaggio” del Natale a Gragnano che è attualmente al vaglio del team guidato dal sindaco Nello D’Auria con tre eventi già programmati, più la new entry del Luna Park. Eventi che hanno lo scopo di non permettere una migrazione dei residenti verso altri Comuni, attirando, inoltre, numerosi visitatori e permettendo all’economia locale di risollevarsi dopo un biennio di restrizioni e rincari. Manifestazioni che hanno il sapore della tradizione, con una “veste” innovativa e a dimensione di piccoli e grandi fruitori.

ELENA PONTORIERO

CRONACA