Negozi nel Piano Napoli: presentate 21 richieste

metropolisweb,  

Negozi nel Piano Napoli: presentate 21 richieste

Sono ventuno le domande pervenute all’ufficio patrimonio relative alla manifestazione di interesse per l’affidamento in locazione a terzi di novantasette locali commerciali di proprietà dell’Ente nei due insediamenti abitativi di via Settetermini e via Passanti, denominati Piano Napoli. Nei giorni scorsi è stata nominata la commissione di valutazione delle istanze chiamata ad esprimersi sulle singole domande. Il progetto è stato curato dall’assessore al ramo, Bernardina Di Capua, secondo cui i due quartieri devono rappresentare una risorsa per le stesse persone che ci vivono, oltre che per l’intero territorio, permettendo la più ampia partecipazione possibile ad ogni operatore economico e associazione culturale e favorire così la partecipazione e la consultazione del maggior numero di interessati. Nello stesso tempo, il comune potrà sfruttare al meglio le risorse, anche attraverso un’entrata finanziaria dovuta alla locazione dei locali commerciali. Per anni sono stati utilizzati come alloggi di fortuna. Negozi occupati abusivamente da famiglie senza arte né parte in cerca di un testo sopra la testa, anche a costo di sopravvivere tra il freddo e le pareti ammuffite. Nell’illegalità, si, ma anche nell’indifferenza di chi per troppo tempo vedeva ma ha fatto finta di non vedere. Dopo le operazioni di sgombero disposte dalla Procura nei due insediamenti abitativi di via Settetermini e via Passanti, denominati Piano Napoli, per i due quartieri si è aperto un nuovo ciclo. L’obiettivo di accrescere lo sviluppo culturale, sociale ed economico in un contesto caratterizzato da forte degrado, che alimenta la criminalità e ingrossa le tasche della camorra.
A tal riguardo l’amministrazione Diplomatico, al fine di raggiungere il più elevato numero di soggetti interessati e agire concretamente per rivalutare l’area, intende incentivare la partecipazione con un significativo abbattimento del canone di locazione fino ad un massimo di 12 mesi quale contributo alle opere di manutenzione, ordinaria e straordinaria, che si rendessero necessarie per migliorare la funzionalità del locale. Nello specifico, il canone di locazione sarà gratuito dai primi 3 mesi fino ad un massimo di 12, ma solo qualora si renderanno necessari i lavori di manutenzione straordinaria per rendere funzionale il locale assegnato (tale agevolazione è da considerarsi un sostegno da parte dell’Ente). Per i locali ubicati nel Piano Napoli di Viale dell’Orto Botanico dall’Isolato 1 all’Isolato 15: €. 2,80/mq. per 12 mensilità; per i locali ubicati nel Piano Napoli di Via Salvatore Di Giacomo dall’Isolato 16 all’Isolato 30: €. 2,70/mq. per 12 mensilità.
La manifestazione d’interesse era rivolta a tutti i soggetti singoli (imprese individuali, società commerciali, società cooperative, nonché associazioni e fondazioni che svolgano, senza scopo di lucro, attività economiche), i consorzi, i raggruppamenti temporanei di imprese costituiti o costituendi. È esclusa, la partecipazione di coloro che abbiano riportato condanne penali.
@riproduzione riservata

CRONACA