Andrea Ripa

Il caso incarichi legali a Ottaviano, il Pd scrive al commissario

Andrea Ripa,  

Il caso incarichi legali a Ottaviano, il Pd scrive al commissario

Bufera sugli incarichi legali al Comune di Ottaviano, la rivolta dei giovani avvocati

Dopo le polemiche degli ultimi giorni relativi al caos incarichi legali e il nuovo regolamento del Comune di Ottaviano in merito alla scelta dei professionisti che dovranno difendere l’Ente, anche il Partito Democratico ha mosso i primi passi ufficiali. Lo ha fatto inviando una nota al commissario prefettizio, Ida Carbone, in cui viene chiesta la modifica del «requisito» che nei giorni scorsi aveva spinto anche le associazioni di categoria a farsi sentire: «Il Circolo del Partito Democratico di Ottaviano ha depositato una nuova richiesta rivolta al Commissario Prefettizio. Nella nota abbiamo chiesto la modifica del regolamento per gli affidamenti degli incarichi legali che, attualmente, esclude i giovani avvocati, ottavianesi e non, dalla possibilità di poter rappresentare l’ente», si legge in una nota del gruppo democrat che in città è guidato dalla giovane Marisa Cassese. ì «Riteniamo che mai come in questo momento storico i giovani avvocati, all’esito di un già duro percorso formativo, vadano tutelati e inclusi nel processo degli affidamenti degli incarichi e non esclusi. Nello specifico, il regolamento adottato dal Commissario prevede quale requisito imprescindibile l’iscrizione da almeno 5 anni all’Albo degli avvocati per essere inseriti nella short list comunale. – fanno sapere – E dunque anche se sei un avvocato, hai superato un esame, sei stato valutato competente per poter espletare questa delicata professione, per il Comune di Ottaviano se non hai maturato ulteriori 5 anni di iscrizione all’Albo, non puoi ricevere incarichi legali. Un vero e proprio paradosso». La modifica del requisito dei «cinque anni», una tagliola per tantissimi giovani avvocati del territorio e non solo, rappresenta una battaglia: «Un requisito che riteniamo irragionevole ed incomprensibile in quanto non se ne capiscono le ragioni, se si pensa che la legge ordinaria prevede un requisito di anzianità dall’iscrizione all’Albo soltanto per patrocinare dinanzi alla Cassazione e non anche dinanzi al giudice di pace, come invece il regolamento attuale prevede. – fa sapere il Pd – Per tutti questi motivi, che abbiamo esposto e spiegato nella nota indirizzata al Commissario Straordinario del Comune di Ottaviano, il Circolo del Partito Democratico di Ottaviano ha richiesto la modifica del regolamento e l’eliminazione del requisito dell’iscrizione all’albo da almeno 5 anni». (anri)

CRONACA