Maniero e Frascatore sfidano il passato. Di Michele verso il 4-3-3

metropolisweb,  

Maniero e Frascatore sfidano il passato. Di Michele verso il 4-3-3

Il Pescara e Maniero, una storia d’amore che nessuno potrà mai cancellare. L’attaccante della Turris ha passato in riva all’Adriatico gli anni migliori della sua carriera. Il delfino rappresenta più di una semplice squadra per Riccardo che proprio con il Pescara ha totalizzato il numero più alto di presenze in un club (133) ed anche di reti messe a segno (43). Nel 2011-12 fu uno dei protagonisti della cavalcata in serie A. L’allenatore di quel Pescara era Zdenek Zeman e tra i calciatori che formavano quella formazione c’erano Ciro Immobile, Marco Verratti e Lorenzo Insigne. Proprio in quel periodo Maniero, Insigne e gli altri napoletani in rosa di quell’organico si riunivano per vedere le partite del Napoli. Stasera al Liguori non ci sarà spazio per i ricordi. Maniero sa bene che deve tirare fuori la Turris da questo momento negativo anche con le sue reti. Finora sono state cinque le marcature del classe 1987, ma solo in due occasione hanno portato punti alla causa corallina (Picerno e Latina). Un altro ex della sfida è Frascatore che la società di Colantonio ha prelevato la scorsa estate proprio dai biancazzurri. Di Michele sembra orientato a schierarlo centrale difensivo in un modulo che potrebbe essere il 4-3-3 con il rientro dal primo minuto di Luca Giannone che, nella partita persa contro la Gelbison sul campo neutro di Pagani, era subentrato nella parte finale poiché al rientro da un infortunio. Alberto Colombo non si fida della Turris. Nonostante il bottino fuori casa del Pescara sia top, ad oggi nessuna sconfitta (5 vittorie e 1 pareggio), l’allenatore ha messo in guardia l’ambiente nella conferenza pre gara: “La Turris? Vedo molte similitudini con la trasferta di Castellammare. Loro stanno facendo meno bene rispetto alle previsioni, ma soprattutto davanti hanno tanto potenziale. Giannone? Rientra, lo conosco bene per averlo allenato tre anni. E per loro è fondamentale. Ma nel complesso in attacco sono fortissimi e nella scorsa stagione lo hanno dimostrato. Leonetti, Santaniello, Maniero: sarà un reparto fortissimo. Le palle inattive? Possono essere determinanti. Maniero nel gioco aereo è uno dei più validi in categoria. Ma anche noi non siamo da meno. Il campo? Può incidere ma abbiamo già fatto bene sul sintentico. Voglio vedere il giusto approccio”. Sui numeri disastrosi della difesa di David Di Michele, il tecnico pescarese sottolinea: “I dati dicono quello ma ogni partita ha una storia particolare. Dobbiamo essere bravi noi per far si che quei numeri anche lunedì sera siano confermati. Chiedo una grande fase difensiva complessiva di squadra. Inizia ora un mese chiave e noi vogliamo restare agganciati alle prime”.

Bruno Galvan

CRONACA