Castellammare. Mercato rionale al Savorito, via gli abusivi: adesso nuove regole

Tiziano Valle,  

Castellammare. Mercato rionale al Savorito, via gli abusivi: adesso nuove regole

Due pattuglie della polizia municipale all’ingresso e all’uscita dal mercato, controlli serrati sulle licenze e sanzioni per gli abusivi. Un bando, forse già per l’inizio del 2023, per assegnare le concessioni e gli stalli agli ambulanti. La mano forte dei commissari prefettizi comincia a farsi vedere anche nel rione Savorito, soprattutto dopo la vicenda di due settimane fa, quando il mercato rionale non si svolse in concomitanza con un lutto che aveva colpito la famiglia del boss Imparato, che da decenni controlla il traffico di sostanze stupefacenti nel quartiere. Una vicenda che ha fatto alzare il livello dei controlli, proprio su ordine della triade commissariale che s’è insediata dopo lo scioglimento per camorra. La settimana scorsa è scattata la prima fase con un lavoro di monitoraggio di tutte le criticità da parte degli agenti del nucleo di polizia commerciale, che avevano diffidato una decina di ambulanti che esponevano la loro merce pur non avendo una regolare licenza. Sulla scorta di quel lavoro, nella giornata di ieri, è scattata una vera e propria task force. Diverse le novità introdotte nello svolgimento del mercato rionale, a cominciare dal fatto che tutti gli ambulanti sono stati sistemati su un solo lato della strada per consentire il passaggio dei mezzi di soccorso. Due pattuglie sono state sistemate all’ingresso e all’uscita dal mercato e solo un abusivo che era tornato posizionarsi, sfidando la diffida, è stato sanzionato con una multa da 5mila euro. I controlli serrati sul territorio degli agenti della polizia municipale hanno consentito anche di identificare e multare un parcheggiatore abusivo. Un’attività che è stata apprezzata prima di tutto dai mercatari, che per anni hanno dovuto fare i conti con la concorrenza sleale di chi vendeva merce pur non essendo in regola. Il lavoro avviato dal Comune e dalle forze dell’ordine dopo il mancato svolgimento del mercato di 15 giorni fa, però, ha permesso anche di accertare alcune omissioni da parte del Suap, che non aveva mai provveduto a regolamentare lo svolgimento dello stesso, tanto al rione Savorito quanto al San Marco, senza stalli assegnati e tantomeno disposizioni in materia igienico-sanitaria. Si è andati avanti con una sorta di autogestione, nella maggior parte dei casi sulla scorta di licenze rilasciate nel 1997, oltre 25 anni fa. Per questo motivo, con tutta probabilità dall’inizio del 2023, si procederà con li un bando europeo per il rilascio delle nuove licenze.

CRONACA