Vico Equense, stretta sulla “movida fracassona”

metropolisweb,  

Vico Equense, stretta sulla “movida fracassona”

Una stretta urgente sulla “movida fracassona”, che toglie il sonno ai residenti del centro e del litorale e che talvolta vede pure i gestori dei locali finire a processo con l’accusa di schiamazzi. E’ quella che il Comune di Vico Equense vuole imprimere alla vigilia dell’ennesima stagione turistica da sballo con numeri di arrivi e presenze dei turisti in continua ascesa. Un giro virtuoso che porta bar, ristoranti, pub e ovviamente anche discoteche a lanciare sul tavolo delle proposte serate ad hoc, ricercate, con la musica ad alto volume. Anche troppo. Ecco perché, dopo mesi di sanzioni, controlli e indagini, si profila all’orizzonte un regolamento acustico ad hoc per i locali. L’obiettivo è quello di trovare un punto di incontro tra il piano comunale di zonazione acustica, le “necessità rumorose” dei locali e le normative statali e regionali. I controlli saranno svolti – come è prassi – dagli agenti della polizia municipale e si pensa anche all’istituzione di una sorta di “pool” anti-schiamazzi. Ed è qui che spunta l’esperto, quello ingaggiato dal Comune su input della giunta.